martedì 4 ottobre 2011

Profumo di mare

Non credo che un NON appassionato di cucina possa capire la dipendenza che un appassionato prova quando sfoglia giornali, riviste o libri. Non credo possa capire la curiosità che si genera in noi “addicted” quando vediamo un prodotto nuovo al mercato, assaggiamo un piatto in un ristorante stellato o semplicemente sogniamo ad occhi aperti davanti a manicaretti che vorremmo cucinare al posto di stare seduti in ufficio.
Diciamo che la dipendenza da cucina (come la chiamo io) va oltre, infatti il mio caro Lui non capisce quando gli dico che la sera, prima di addormentarmi, non guardo la tele e non conto nemmeno le pecore.. Io penso alle mie ricette e a come impiattarle!


BRANZINO AL FORNO (4 persone)
1 branzino selvaggio da 1kg-1.5kg (se preferite due branzini più piccoli)
2 fette di limone
16 pomodorini cherry (così facendo vengono 4 pomodorini a testa, a piacere potete metterne di più o di meno.. vero Lui?)
16 olive nere (di nuovo, io non le conto e di solito faccio una manciata.. sta a voi decidere se e quante)
Olio d’oliva
Spezie per il pesce

Quando faccio il branzino al forno cerco sempre di farmelo sviscerare e squamare dal pescivendolo.. Cosa che consiglio anche a voi! Se non fosse il caso, squamate il pesce con un coltello nel lavandino ricoperto di giornali. Le squame vanno ovunque per cui fate attenzione! Aprite la pancia del pesce partendo dal buchino che hanno in fondo vicino alla coda fino alla bocca usando una forbice. Strappate le interiora con una mano (per le più schifiltose usate dei guanti). Se prendete le interiora nel modo giusto dovrebbero staccarsi tutte assieme. Controllate che la pancia sia vuota, risciacquate e asciugate con la carta da cucina.

Scaldate il forno a 180-200°C a dipendenza del vostro forno.

Una volta sviscerato mettete il pesce su di una placca da forno foderata (sebbene sembri stupido il mio commento, se non ci dovesse stare mettetelo di traverso). Aprite la pancia del pesce e mettete un goccio d’olio, le fette di limone il pepe e le erbette (a dipendenza se sono salate o meno salate il pesce). Attorno al pesce nello spazio libero della teglia spargete i pomodorini e le olive e condite con un po’ di olio d’oliva (mettetene pure anche sopra il pesce), sale e pepe.

Infornate il branzino a metà forno per una ventina di minuti se i pesci sono piccoli (800g) o una trentina se sono più grandi (1kg-1.2kg). Di solito io vedo che il pesce é cotto al punto giusto quando la pelle comincia a gonfiarsi e sembra croccante. Mi raccomando, non fatelo cuocere troppo perché altimenti diventa pappetta!

Sforante il pesce, pulitelo (un giorno farò anche un post su come pulire il pesce) e servitelo con i pomodorini e le olive. Non dimenticate un goccio di buon olio d’oliva sul filetto di branzino. Sarà una leccornia!

Nota: per le spezie a me piacciono molto quelle di Ariosto (vedi foto)
 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...