mercoledì 6 giugno 2012

Supermercato o giochi senza frontiere?

Per me il supermercato é luogo di sfogo, rilassamento e felicità. Amo gironzolare tra gli scaffali perdendo tempo a leggere etichette di alimenti mai visti che poi finiranno immancabilmente nel carrello. Ma non sempre si ha tempo da perdere...
Mi avvio verso il supermercato di fretta, devo comprare solo due cose e poi fiondarmi a casa per cucinare. Faccio per salire sull'ascensore quando vengo investita da una mandria di bambini scalcianti mal addomesticati dalla madre (disperata) col carrello (strabordante). Sopravvivo e salgo (sola) sull'ascensore. Inizia la goduria: io e lo specchio. Mi dico sempre che se ci fosse una videocamera o un signore dietro agli specchi si farebbe mille risate nel vedermi posare in vari modi tra un piano e l'altro. Di fianco, l'altro lato, con una smorfia, tirando i capelli su poi giù, fino a quando non si aprono le porte mentre io sto ancora facendo la mossa del Tucano.
Esco, senza imbarazzo, e mi dirigo ai cestelli che, grazie alla loro dimensione, mi permettono di comprare solo due cose: quelle di cui non ho bisogno...
Mi aggiro per le corsie e cerco di non lasciarmi andare, vado dritta ai punti cruciali. Ma non ce la faccio, vedo le albicocche e mi dico che "ci può stare", poi vedo le bacche "e che non ci stanno pure loro?", poi una signora mi fa provare un pezzetto di formaggio "ma mica male questo formaggio, si lo prendo", finché non raggiungo (traballante) la corsia delle farine. Tu no, tu no, tu no .. Eccoti! Cerco di raggiungere la farina senza glutine nello scaffale in basso a destra mentre con il braccio sinistro cerco di bilanciare il cestino pieno zeppo di alimenti inutili, afferro la farina, mi alzo, perdo l'equilibrio, cerco di ritrovare il baricentro, fallisco. La farina mi scivola dalle mani, cerco di afferrarla facendo cadere il cestino. Troppo tardi. Come nelle scene al rallentatore la farina si scaraventa al suolo e con un tonfo si spacca il sacchetto dal quale esce, allegramente, 1kg di granella bianca.
Imbarazzata, con la coda tra le gambe e due cestini pieni (sempre per la teoria che il cestino spinge a comprare meno) mi dirigo alla cassa. Soltanto svuotando le borse della spesa, però, mi rendo conto di aver comprato il mondo ma non quello di cui avevo più bisogno: la farina!

PS: Se state pensando che me ne sono andata senza pulire vi sbagliate. Con occhi da gatto di Shrek sono andata a implorare il perdono del capo reparto decisa a inforcare paletta e scopetta. Già, avevo provato a infilare la farina nella busta rotta con le mani ma il risultato é stato così negativo che il signore ha optato per un "non si preoccupi, faccio io.. E meno male che non era olio!".

LEMON CUSTARD
150g farina (io gluten free)
30g zucchero al velo
4 cucchiai maizena
1/2 cucchiaino di sale
125g burro freddo
1.8dl succo limone (4-5 limoni)
250g zucchero fine (io 210)
6 uova
5 cucchiai di farina
la buccia di 1 limone



  • Scaldare il forno a 180°C
  • In una ciotola unire la farina, lo zucchero al velo, la maizena, il sale e il burro e lavorare rapidamente con le mani per evitare che la massa si riscaldi (si può usare anche il robot con le lame o una forchetta). Lo scopo é quello di ottenere una "sabbia" e non un impasto a palla omogeneo

  •  Appiattire la sabbia sul fondo di una teglia quadrata da 24cm di lato circa, facendo in modo che il tutto sia ben livellato. Infornare per una ventina di minuti o fino a quando il tutto sarà dorato

  • Con l'aiuto di una frusta amalgamare il succo di limone, lo zucchero fine, le uova, la farina e la buccia di un limone finché il tutto risulterà ben omogeneo
  • Quando il fondo della torta sarà dorato, versarci sopra il flan al limone (quello descritto nel punto sopra) e mettere al forno a 150°C per 40 minuti circa (finché il flan si sarà indurito)
  • Lasciare raffreddare per 15 minuti prima di toglierlo dalla teglia e spolverarlo di zucchero al velo (io ne ho messo un po' dopo 15 minuti e un po' alla fine)


NOTA:
Con la farina senza glutine il biscotto risultava molto morbido, credo che con la farina normale sarebbe risultato molto più croccante. Ad ogni modo i miei commensali hanno gradito :)
Piace anche ai non amanti del limone (tipo me), in quanto é limonosa ma senza esagerare (questa si che é una vera spiegazione)
Ricetta tratta da "Un goûter à New York" di Marabout (collana di libri strepitosa!)

35 commenti:

  1. MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMmhhhhhhhhhhhhhhhhhhh adddddoro i dolci al limone!!!! Buonissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io di solito li rinnego ma questa era buona per davvero :-)

      Elimina
  2. Ah ah mi sto immaginando la scena !!!!!
    Pero ' il tuo dolce e' riuscito alla perfezione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah no guarda, che imbarazzo!! Per fortuna che almeno la torta é venuta bene :)
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Risposte
    1. Provala e non te ne pentirai. Facilissima e fa tutto da sola :)

      Elimina
  4. Voglio venire al supermercato con te;
    Voglio mangiare una teglia intera di queste barrette al limone;
    voglio quel libro! Marabout è la mia collana preferita ever!
    Oh ci capiamo troppo noi due, ecco perchè mi sono innamorata di te :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammmoooore!!
      Siamo passate da cugine a sorelle ad amanti. Cosa sarà il prossimo step?? Convivenza?? ahahah
      Cmq sei il mio tesoro
      Baci

      Elimina
    2. Le ho fatte stamattina...non ce n'è più neppure una! Sei troppo brava :)
      Molliamo i consorti e viviemo la ns storia d'amore ;)

      Elimina
  5. MMH.. Ma che fame.. le tue ricette sono fantastiche, ma poi mi farai un corso acelerato???

    Baci (Sofia. Sì, quella Sofia lì!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sooofy!! Ma che piacere trovarti qui! Come state? Che bello é stato martedì, grazie ancora!
      Per il corso appena vi trasferite ci facciamo una giornata di corso germogliatore e altro :-)
      A presto!
      Un abbraccio anche al tuo fagottino

      Elimina
  6. Anch'io amo perdermi tra gli scaffali! Mi piace un sacco far incetta di prodotti nuovi, che magari in altre 1000 visite al market mi erano sfuggiti, che in effetti non mi sarebbero granchè utili, ma non si sa mai! Ora ho la fissa delle spezie, cardamomo, curcuma, cumino, chi puù ne ha più ne metta!
    Eh, quei maledetti cestini! Poi non li puoi mica prendere fuori per caricare in macchina quei 30982346502 prodotti che sei riuscita ad incastonarci!
    Tutta la mia comprensione e supporto per l'incidente farinoso! Coraggio, non succederà più! ..peggio l'olio! ^_^

    RispondiElimina
  7. Io li chiamo meltaways..può essere?! Ottimi comunque! Li descriverei così anch'io, limonosi ma non troppo! ;P Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In francese si chiamavano "quadrotti al limone" io l'ho chiamata una lemon custard. Onestamente? boh. ahha :)
      Cmq sono felice di non essere sola tra i disperati dei prodotti mai utilizzati ma comprati per eventuali ricette mai lette :)
      Un abbraccio

      Elimina
  8. Ciao, mi hai fatto ridere, ho immaginato la posa del tucano :-D poi mi hai fatto venir voglia di provare questi dolci profumati, ho giusto dei limoni arrivati dalla Calabria che aspettano, buona giornata :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah ma poi non scherzo. SOno davvero imbarazzante. Mia mamma dice che sono peggio di Narciso, speriamo di non trovare nessun lago.. :)
      Che buoni quei limoni!! Vedrai che torta divina :)

      Elimina
  9. a me invece il limone piace tantissimissimo!
    bevo sempre la limonata della sb e spesso mi faccio una fettina di limone con sopra lo zucchero. Però ... non metto (a meno che si parli di cose tipo pollo al limone) MAI il limone sulla carne grigliata, sul pesce nè grigliato nè fritto, sulle insalate perché secondo me ammazza il sapore originale.
    Quindi questa torta fa sicuramente per me :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aaargh!! Io il limone così posso ancora accettarlo ma nel cibo lo odio. Odio il limone sulla carne, sul pesce, nelle salse.. Proprio come dici tu: toglie tutto il gusto dei prodotti!
      Insomma, questa torta fa per te :)

      Elimina
  10. gnam questa torta é entrata subito nella mia top ten! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la rifaccio presto: PROMESSO.
      Magari la proviamo con le arance.. Ma siamo fuori stagione! ahah

      Elimina
  11. Me la segno: io ADORO il limone!!
    Non mi sembra neanche tanto difficile, no? Ce la posso fare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Robin fidati, é davvero facilissima! Fa tutto il forno :)

      Elimina
  12. MHHH! deve essere deliziosa :9
    Ni

    le tue cronache son sempre una goduria da leggere! ;))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah ma che poi uno pensa "si bom se le inventa" ma invece no!!! Sono davvero come Paolino Paperino :) ahaha
      Un abbraccio a te e al muso lungo

      Elimina
  13. Del tuo blog mi piacciono così tanto i post, e mi fanno così tanto ridere che arrivo alla ricetta e mi dimentico pure che dev'esserci una ricetta :)
    Tutte le cose con le creme al limone mi fanno impazzire! Mi piace anche la base che hai fatto!

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahha che carino che sei! Come stai?? Adesso passo a trovarti :)
      Prova questa torta e vedrai che non te ne pentirai :)

      Elimina
  14. La torta mi fa parecchio gola... proverò a farla sicuramente!Ma la vicenda al supermercato è esilarante...mi ricordi un casino qualcuno... a già! Me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahha per fortuna qualcuno che mi capisce :)
      Cmq la torta falla, é davvero semplicissima :)

      Elimina
    2. Quando finisco la dieta maledetta... mi sparerò torte su torte come se non ci fosse un domani!!

      Elimina
  15. Sei un genio, lo sai vero? Comunque anche a me piace andare al super, fare con calma, girellare tra gli scaffali, osservare la fauna locale, farmi venire qualche idea su cosa cucinare - e scartarla immancabilmente - prendere degli alimenti, girare, rimetterli al loro posto, cambiare idea, riprenderli e via dicendo. Una matta a piede libero :)
    E quando sono di fretta succede il peggio del peggio, col mio cestello rosso ( che poi tanto piccolo non è ) stracarico di roba e arrivata alla cassa mi rendo conto che ho comprato l'impossibile.

    RispondiElimina
  16. ciao cara... anche io ci metto una vita a far la spesa e guardo tutti i prodotti.. solo quando non sono in compagnia però!! immagino la scena al super.. ahahahahhh.. sei buffa ma davvero brava.. questi lemon custard sono magnifici!!! poi i dolci al limone mi piacciono assai!!! un bacio

    RispondiElimina
  17. ahahahahahah... a parte che rido ancora come una scema per la scenetta della spesa.. del resto a me ieri sera si sono rotte tre buste in mezzo alla strada, mentre attraversavo, con le macchine che hanno formato una fila e tirato non so quanti accidenti.. evvabbè ma che è colpa mia?????
    questi lemon custard mi piacciono moltissimo perchè io a differenza tua sono una fan del limone.. pensa che per mangiarne uno a morsi (brrrrrr) ho perso il mio primo dentino da latte :O)
    bacioni!!

    RispondiElimina
  18. veramente invitante.
    ciao ciao
    emme

    RispondiElimina
  19. Ecco il guaio del supermercato...entri per comprare un paio di cose ed esci con 40!
    Facilissima questa torta, la provo sicuramente. ;-)

    RispondiElimina
  20. posto che questi affarini al limone li adoro già e che faccio le stesse identiche scene al frutta e verdura (:D) questo blog è meraviglioso! *_* il layout mi fa sciogliere ogni volta che lo apro :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...