mercoledì 3 ottobre 2012

Musini o faccioni?

Alla fine vedi talmente tante cose, provi talmente tante emozioni e le connessioni internet sono così lente che poi ti dimentichi. Non che te lo dimentichi davvero, semplicemente te lo tieni tutto per te. O forse lo posteggi nell'anticamera del cervello per un "futuro" poco definito.
Non sono mai stata una grande appassionata di architettura, storia o storia dell'arte. Ricordo quando a 20 anni un'amica studente di architettura mi aveva trascinata a Barcellona per 3 giorni. 
La mia visione del viaggio era basato su: rambla, sangria e fiesta conditi con un po' di cultura locale.
La sua versione del viaggio era però basata su: ore e ore e ore in ogni museo e affine.
Inutile dire che io e lei in vacanza assieme non siamo più andate.
Io sono tipo da naso all'insù, chilometri di marcia per le vie ad osservare, guardare, scrutare quel che fa la gente, quello che mangia, e come lo mangia. Di certo preferisco una gita al supermercato rispetto al museo nazionale. Inorriditi? Già. 
Ed é così che finalmente arrivo al nocciolo di questo post: Angkor.
Questa mecca archeologica costruita dai Khmer nel lontano IX secolo (e poi finito nel XV), una perla dell'Unesco, una "must do" per i turisti, una vera meraviglia. Ma concedetemi che a me, di Siam Reap, é rimasta impressa l'immagine dei bimbi e non quella dei faccioni che vi mostrerò dopo. Non fraintendetemi, é un posto davvero stupendo, magico ed incantevole e proprio per queste ragioni mi va di condividerlo con voi. 
Ma come la gente, per me, non ce n'é.















37 commenti:

  1. ...ecco perchè ti voglio bene :)
    un abbraccio forte tesoro!

    RispondiElimina
  2. emozionano immagini così, ma capisco bene la tua visione della vacanza, alla fine non è una vacanza ma un immergersi nella cultura e nei costumi attraverso le cose "vere" e la gente "vera"...non sai come rimango incantata dai tuoi ultimi post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, la gente é davvero la parte migliore. Ma é anche vero che grazie alla gente si sono costruite determinate attrazioni culturali. UN mix é senza dubbio necessario :)
      Grazie mille comunque :)

      Elimina
  3. Questo luogo non dovevi davvero perdertelo. Sarebbe stato un peccato. Ma io voglio leggere ancora dei bambini e delle tue avventure umane!
    Un bell'abbraccio e foto stupende!
    Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giammai! Io poi che sono una di quelle che deve vedere tutto. Però, i bimbi restano i bimbi :)
      Un bacinoe e grazie!

      Elimina
  4. Queste foto sono meravigliose, davvero uno spettacolo. Grazie :)

    RispondiElimina
  5. Le foto sono super. Tu devi pensare a chi ha fatto quei faccioni, chissà com'era la sua vita, chissà quali i suoi sogni.... Bellissimi, come gli occhi delle foto dei tuoi bambini però non ce n'è!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai totalmente ragione. Ma credo che il confronto povertà e lucro su Angkor Wat siano stati la chiave per le mie parole. Ci sono bellezze enormi che però fanno dimenticare il dolore, altrettanto enorme, di gente che ha pane ma non i denti.
      Un bacione e grazie per seguirci sempre :)

      Elimina
  6. concordo benissimo con te sandra,ciao baci Jesica

    RispondiElimina
  7. Che meraviglia! Anche il mio ragazzo è stato in Vietnam qualche anno fa e ha scattato un sacco di foto ad Angkor: una tra l'altro è simile alla tua con l'albero cresciuto dentro le mura ;) Dev'essere proprio spettacolare!
    Pur condividendo la passione e la curiosità per la gente viva (non a caso ho studiato antropologia ;)) vengo totalmente rapita dai segni delle civiltà antiche, soprattutto se sono così straordinari... anch'io la vedo un po' come Sandra in effetti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ihih in realtà Angkor é in Cambogia ma é vero che chi va in Vietnam di solito ci passa :) Come noi del resto.
      Le foto sono stupende e il posto pure ma é forse il connubio tra passato e presente a traumatizzare di più. Di certo chi ha costruito questo impero non pensava che orde di turisti pagassero $40 per vederlo :)
      UN bacione

      Elimina
  8. beato il tuo ragazzo,ke ha scattato delle foto,in Vietnam,ciao Robin,da Jesica,tante belle cose,P.S

    RispondiElimina
  9. Io ho una laurea in architettura e quando viaggio mi piace vedere tutto: passato e presente. Penso che è solo capendo il passato che si può comprendere il presente e purtroppo spesso mi capita di constatare che certe civiltà anticamente erano molto più progredite rispetto a quello che sono oggi...
    Però guardare le persone mi piace un sacco!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole sante le tue. Mi sono chiesta esattamente la stessa cosa. Com'é possibile che una cultura fosse tanto avanti e oggi terribilmente indietro??
      Ma osservare resta un hobby tra i miei preferiti :)) ahah
      bacione

      Elimina
  10. Roberta a me,nn piace x niente guardare le persone,mi da sui i nervi,guardare,le persone,comunque brava x la tua laurea in architettura so ke è molto difficile,xkè ho una amica ke la studia,ciao Jesica,P.S

    RispondiElimina
  11. quante vestigia tutte insieme!!
    però quella bici appoggiata alle rovine...quella fa la differenza!
    Tra la foto di un libro di archeologia e quelle che parlano di vita :))))
    Anche a me piace osservare la gente, se sono in un luogo molto turistico, mi diverto ad indovinare da che paese arrivano prima di sentirli parlare :DDDDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHah anch'io!! Soprattutto in aeroporto. Mi immagino da dove vengano e dove vogliono andare. Insomma, un gioco tutto mio che mi diverte un sacco :))
      Un bacione

      Elimina
  12. ti dirò che Angkor è uno dei posti al mondo che proprio vorrei vedere, immagino un posto meraviglioso, unico!! io generalmente quando viaggio guardo di tutto non faccio molte distinzioni, seleziono solo i musei.. solo se interessanti per i miei gusti!!! buon proseguimento ciaooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, davvero magico. Ma ti assicuro che il mondo esterno (della città di Siam Reap) con quello interno (del sito archeologico) é talmente diverso che resti con l'amaro in bocca. Niente da ridire sull'architettura e l'imponenza. Ma per me é stato troppo vedere questi due mondi paralleli. Ovviamente é una mia impressione :) E sai, concordo che una volta nella vita vada visto.. Ma se ci vai, dai retta a me, fatti anche un giro altrove. Ci sono posti molto più belli ma forse meno marketizzati :)
      A presto!

      Elimina
  13. Ti capisco io sono come te.. E mio marito e' il tipo da museo. Ma sono costretta ad abdarci in vacanza per i prox 50 anni ;)
    Amo quando scrivi che ciò che ti ha piu stupito sono i visi delle persone . Angkor wat, sebbene vicina alla Thaulandia non l'ho mai vista ci credi?
    Buon proseguimento e scrivici tutto anche se la connessione e' lenta :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma voi in Thailandia avete qualcosa di molto simile, per cui sei scusata :)
      Un abbraccio cara e grazie per i tuoi complimenti sempre troppo gentili!

      Elimina
  14. Meglio i faccini senza nessunissimo dubbio. Però anche quel posto deve essere stato magico, respirare un'aria così antica, così spirituale, e quell'albero della foto? Meraviglia!! Anche a me piace vivere le città vagando e scoprendo più che rinchiudendomi in un museo, però alcune cose non si possono davvero perdere. Buon viaggio ancora, carissima, tra poco parto anche io, vado in Nepal :) Saremo "vicine" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, certe cose non si possono proprio perdere! :)
      Bellissimo il Nepal, volevamo farci tappa ma risultava un po' troppo complicato.. E lungo per noi!
      Prima o poi bisogna tornare dal Peloso, no??
      Un bacione e attendo resoconti sul viaggio!!

      Elimina
  15. Bellissima la foto della bici che si mimetizza :)

    RispondiElimina
  16. Mi sembrava impossibile non fossi passata di là...
    Sono d'accordo con te su tutta linea: musei, naso in sù, faccini. Ma Ankor toglie il respiro, le foto non gli rendono mai giustizia.
    Belle. Belli voi. Che viaggio ragazzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come potevamo saltare questa tappa obbligata?? :)
      Bellissima, anche se il confronto con passato e attualità mi ha colpita più della bellezza stessa del posto. Purtroppo la Cambogia non mi é rimasta nel cuore per la sua bellezza ma per il suo dolore.
      Oh mamma sembro una di quelle hippie mezze zen che vanno in giro proclamando i loro sentimenti.
      Chiedo perdono.

      Elimina
  17. Io amo l' arte e la storia ma sono d' accordo con te sul fatto che "come la gente non ce n' è". Sono passata a salutarti dopo un periodo di assenza! Ti aspetto da me se ti va! Un abbraccio a presto. Diana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che piacere ritrovarti da queste parti :)
      A presto!

      Elimina
  18. Elvi sono uguale anche io..
    Certo, alcune musei e alcune meraviglie non mi lasciano mica indifferente..ma niente di paragonabile all'emozione di girare a zonzo :)
    ah, e i supermercati sono sempre una tappa fondamentale e obbligatoria di ogni mio viaggio ;))
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah per fortuna qualcuno mi capisce. Lui resta sempre interdetto quando davanti agli scaffali faccio sempre gli stessi commenti. Ma che ci posso fare?? :)
      A zonzo forever.
      Baci

      Elimina
    2. ahahah idem...
      Noi, poveri geni incompresi!

      :)))

      Elimina
  19. Io amo camminare ed esplorare ma anche chiudermi in un museo!beh questo sito archeologico è bellissimo! buona continuazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che una buona proporzione tra vita reale e storia sia la chiave per un viaggio perfetto :)
      Grazie per il commento :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...