venerdì 21 dicembre 2012

This is the end

L'hanno annunciata tutti, dal vicino di casa, a Nostradamus ai Maya. Persino il TG ci ha perso gran tempo mandando in onda servizi di gente che si barricava in casa con scorte di ogni genere. Che dico ma se finisce il mondo, o sei un antico Egizio e ti prendi la scorta per l'eternità o altrimenti, se stai per morire, a cosa ti servono quintali di arrosto e patate (che non saranno comunque più buoni per il giorno di Natale)?
Leggendo i giornali, mi é capitata sotto gli occhi una notizia:
RUSSIA - in un bunker resistente alle peggiori bombe atomiche verrà celebrata una 24h (o più) con tanto di televisori per vedere quel che succede al resto del mondo. Costo? A partire da €800.
Veramente? Io con €800 minimo minimo mi sarei fatta una vacanza su qualche spiaggia afrodisiaca attendendo la morte flaccidamente in costume, bianca come una mozzarella bevendo qualche cocktail disgustoso alla frutta. Ma be', punti di vista.
Ad ogni modo, pare che la fine debba arrivare alle 12.12 (che poi, perché non fare la fine del mondo il 12.12.12 alle 12.12? Molto più d'effetto) per cui ho ancora tempo per essere fulminata e catapultata verso un "nuovo inizio"... Speriamo almeno che ci sia blogger!
PS: Ma se oggi ce la facciamo, riusciremo poi a vivere fino al 13 aprile 2036 (impatto con Apophis, l'asteroide) senza profezie di vario genere?

Per ora vi lascio con un piatto che spero sia "la fine del mondo".

VITELLO A BASSA TEMPERATURA con PURÈ e VERDURINE (4 persone)
800g filetto di vitello
500g patate per puré
180g latte
80g burro
8 carote mini
4 zucchine mini
q.b. taccole
8 pomodorini cherry
q.b. pan grattato con qualche erbetta (rosmarino, alloro)
1.5dl vino rosso
1dl panna
q.b. olio d'oliva
q.b. sale e pepe

  • 1h30 prima della cena (o pranzo) accendere il forno a 80°C (aria calda) e inserire i piatti da portata (possibilmente su una griglia così il calore può girare facilmente) e su di una teglia un piatto da portata dove poi metterete il filetto. In una padella scaldare una noce di burro con un filo di olio e rosolare il filetto da tutti i lati per massimo 5 minuti. Infornare nella teglia ormai calda con il suo sughetto e lasciare cuocere per 1h30
  • Preparare la purea di patate:
    • Se avete un Bimby buttate le patate pelate e tagliate a rondelle nel boccale con il latte e un pizzico di sale. Cuocere per 25min a 100°C con la farfalla a velocità 1. Finire poi 30 secondi a velocità 4 sempre con la farfalla. Delizioso. 
    • Se non avete un Bimby e vi sentite audaci preparate il puré nel modo tradizionale: bollire le patate in camicia, sbucciarle ancora calde, passarle al passapatate e metterle in una pentola dove aggiungerete latte, burro e sale. 
    • Se la vostra risposta é la C, ossia "none of the above", comprate le bustine di puré liofilizzato e preparatelo in 4 minuti prima di servire
    • In tutti i casi, una volta pronto, inserire il puré in un sac à poche e riservare al caldo
  • Preparare le verdure: 
  • Carote - sbucciarle e cuocerle in un pentolino con un goccio di acqua una noce di burro, un po' di sale e un pochino di zucchero (opzionale). Coprire con un disco di carta sopra e lasciare cuocere finché risulteranno morbide ma ancora croccanti. Se resta acqua scolarla e glassare le carote facendole caramellare nella padella (semplicemente muovere il pentolino, aggiungere un goccio di acqua se vedete che attaccano e far asciugare di nuovo. Ripetere 2-3 volte)
  • Zucchine - eliminare le due estremità e tagliare le verdure come più vi piace (io a cilindri storti). Cuocerle come con le carote ma con meno acqua e per meno tempo (cuoceranno prima, lasciarle un po' croccanti). Non farle glassare
  •  Taccole - cuocerle come le carote e le zucchine senza farle glassare. Controllare la cottura
    • Prima di servire far rinvenire tutte le verdure assieme in un po' di olio
  • Tagliare con una forbice i pomodorini dal ramo, lasciando attaccato il cappello (parte verde). Con un coltello tagliare la testa e scavare leggermente con uno scavino (o un cucchiaino) nel pomodoro per creare un incavo dove metteremo il pan grattato. Tagliare un pochino anche alla base per fare in modo che il pomodorino non cada. Salare, aggiungere un goccio di olio e coprire con il misto di pan grattato (volendo aggiungete uno spicchio di aglio, la cipolla o qualsiasi cosa vogliate mettere dentro. Amalgamare con un cucchiaio di olio d'oliva). Posizionare il tutto su di una teglia, oliare i cappelli e infornare a 180°C per una decina di minuti. Riservare al caldo
  •   Quando sarete pronti per servire il vitello togliete la teglia dal forno, in un pentolino fate scaldare 20g di burro, bagnateli con il succo della carne e il vino. Lasciare evaporare per qualche minuto prima di aggiungere la panna. Far ridurre e verso la fine aggiungere ancora 10-15g di burro muovendo avanti e indietro il pentolino per montare leggermente la salsa (o usate una frusta)
  • Tagliare il filetto a fette e servire con il resto sui piatti roventi. Servire un goccio di salsa sotto al filetto e il resto metterlo in una salsiera (o ciotola precedentemente riscaldata) e metterlo in tavola così che ognuno si possa servire.





NOTA:
1. Se la cena si dilunga e il vostro filetto deve rimanere in forno più del previsto, abbassate la temperatura a 50°C. Così potrà restare ancora (quasi) un'oretta
2. Le verdure si possono preparare in anticipo e scaldare prima di servire (quando vanno rosolate nell'olio). Inoltre io ho trovato le verdure mini e ho usato quelle, ma si possono tranquillamente usare quelle normali
3. Se non viene fatto il taglietto ai pomodorini per farli stare in piedi, tenderanno a perdere la pelle. Per cui o li sbollentate prima in acqua bollente, togliete la pelle e li infornate. Oppure fate il taglietto e tenete la pelle :)
4. Se la salsa al vino non vi piace provate a fare una salsa alle spugnole
5. È importantissimo che i piatti siano caldi in quanto il tutto tende a raffreddarsi molto facilmente

11 commenti:

  1. Ciao Elvira, in ritardo sui tuoi post, causa settimana da incubo, ma eccomi che rileggo a ritroso, e riso come una demente al cospetto del tuo vicino di posto in aereo...un fulminato.
    Anche io avrei preferito che la fine, se proprio doveva essere, fosse alle 12 e 12 del 12. 12. 2012. Insomma...un pò di coerenza. Io forse oggi sopravvivo, am se continuo così non supero il Natale...sono sfinita.
    Un bacione
    Alice

    RispondiElimina
  2. Sono le 10:10 e ancora ci siamo. Pensavo poi, ancora meglio che il 12.12.12 potevano farla per il 21.02.2012 che è palindromo. Magari alle 21:12 :)
    Mi piace quel piattino, sa proprio di ristorante. Ma il purè in busta: NO!
    :D Bacii!!!

    RispondiElimina
  3. Ciao Elvira :) Ahahahaahah ma davvero... anche io me ne starei in costume in spiaggia :D Lasciamo perdere và... e concentriamoci su questo magnifico piatto che mi ispira un sacco... non ho mai cotto in questo modo, proverò ;) Bravissima, un abbraccio forte e se non ci si rilegge, in questi giorni, tanti auguri di buone feste! :) Ti abbraccio :)

    RispondiElimina
  4. Ma bravissima!!Il tuo modo di presentare i piatti è sempre impeccabile!!!

    RispondiElimina
  5. Brava cara Elvi. Oggi hai nominato giusti tutti gli ingredienti. 9+.
    E se non ci dovessimo più leggere sappi che rimarrai sempre una delle mie blogger preferite.
    Addio.
    Anzi, a dopo.

    RispondiElimina
  6. Oggi, ventun dicembre duemiladodici, in occasione della fine del mondo, si impongono alcune misure urgenti. Per un corretto deflusso dell'onda di persone toccate dall'evento, sono stati potenziati gli attracchi sull'isola di Lampedusa. Gli oroscopi vengono sospesi fino a nuovo ordine. Le imprese di onoranze funebri sono poste, seduta stante, in cassa integrazione senza il bisogno di ungere maniglie. Tutto avverrà alla buona, sans façon, con l'aiuto volontario di un numero considerevole di sampietrini. Si confida sul fatto che l'avvenimento, IVA esclusa, si conclude in un AMEN.

    RispondiElimina
  7. ecco appunto. Se devo finire tanto vale farlo alla grande che poi se sopravvivi fuori cosa trovi? Hai presente il film 'Codice Genesi'?
    Dunque, la carne nella terza foto mi ha fatto ricordare Alien ma oggi non sono lucida quindi meglio che riveda tutto con più calma.
    In ogni caso quando l'alien è stato affettato ha un colore così invitante che mi precipiterei a casa tua per mangiarne un piatto.
    Vai Elvi, che mi sa ci sentiremo ancora per un pezzo :-)

    RispondiElimina
  8. Bene direi che la fine del mondo è rinviata!
    Possiamo andare a tavola!
    ahahahahah!
    Ottimo piatto, lo mangerei molto più volentieri di tutti i pastrocchi natalizi :DDDDD
    Ne approfitto per augurarti buone feste!!

    RispondiElimina
  9. Ciao Elvira...e anche stavolta scampato pericolo ;-)!!
    Pensa gli idioti nel loro bunker.. i Maya dall'oltretomba si staranno sbellicando dalle risate secondo me!!!
    Beh io come 'fine del mondo' preferisco il tuo piattino!!!
    Ti auguro un Felicissimo Natale!!!
    Baci, Roberta

    RispondiElimina
  10. Ahah.. sei mitica, dico davvero! E quanto hai ragione!! Vorrei proprio vedere le facce di chi ha dilapidato gli averi per trovarsi di fronte ad un fantomatico portale.. per carità, rispetto ogni opinione, anche le più assurde.. ma effettivamente io avrei preferito un giretto al mare. ;) Buonissimo e sano questo piatto.. che sembra proprio un quadro d'autore :) Un abbraccio tesora!! Un Natale splendido e pieno d'amore per te!!

    RispondiElimina
  11. Questa profezia ha fatto spendere milioni di parole in tv. Tutti che cercavano di spiegarci il significato di questa apocalittica fine del mondo. Ma chi, tranne l'uomo stesso, può decretare la fine di questo mondo che sarebbe tanto meraviglioso se solo cominciassimo ad amarlo di più?!
    Davvero molto gustoso questo secondo piatto. Sono sempre alla ricerca di qualche piatto di carne alternativo e questo mi piace davvero molto.
    Tantissimi Auguri di Buon Natale!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...