giovedì 4 aprile 2013

Avanzi Pasquali


Non che ci sia mai stato il rischio di morire di fame. Anzi. Qui il frigorifero non assomiglia a quelli belli e spaziosi dei telefilm americani. No. Il nostro é una sorta di scatola a molla dalla quale, immancabilmente, cade qualcosa. Il tetris resta una grande passione, l'incastro una bella ambizione.
Ad ogni modo. Pasqua.
Fratelli, amici, parenti, nonni, cugini e chi più ne ha, più ne metta.
"Sei solo? Ma come? Dai, vieni! Ci divertiamo!"
Finisce che a tavola hai 8 sedie di un colore, le 4 del giardino più quella della scrivania. Come potrebbe mancare il seggiolone ancestrale della trisnonna?
Il menu é sempre lo stesso. Squadra che vince non si cambia.
Qua e là qualche cambiamento ma vorrai mica togliere gli asparagi alla zia? Per non parlare del salato all'amico fraterno. Anche se, il vero protagonista, é sempre lui: l'agnello.
Ai fornelli un altro Lui, sempre lo stesso, per carità. Nelle grandi occasioni si vede chi porta la toque.
Non che io goda di una giornata di libero, oh no, ma il piatto forte lo gestisce Lui. Soltanto Lui. Unicamente Lui.
Ed é così che sono 4 giorni che mangiamo agnello no-stop, da quando Lui, già affetto di vuoti di memoria, ha ben pensato di ordinare la carne non da uno ma bensì due fornitori (dimenticandosi, ovviamente, dell'uno e dell'altro).
Qualcuno é libero per cena?

CARRÈ D'AGNELLO AL FORNO (2-3 persone)

1 carré/rack d'agnello
1 spicchio di aglio
q.b. timo
q.b. sale e pepe
q.b. olio d'oliva
  • Mezz'oretta prima di cena togliere la carne dal frigorifero (a vostro rischio e pericolo ;-) ), accertarsi che le ossa siano state ripulite bene dal macellaio. Nessuna pellicina dovrebbe essere presente altrimenti brucerà. Mettere la carne in una pirofila e condirla con un po' di sale, pepe, del timo fresco, uno spicchio d'aglio tagliato a fettine e dell'olio d'oliva. Massaggiare bene il tutto e lasciar marinare per una mezz'ora
  • Accendere il forno a 180-200°C. Prendere il carré dalla pirofila e metterlo su di una teglia foderata con carta da forno. Togliere le fettine di aglio per evitare che lascino troppo gusto e che brucino. Mettere nel forno per 12-13 minuti a dipendenza della grandezza del carré. Girare le costolette a metà cottura
  • Una volta cotto, togliere dal forno e avvolgere nella carta alu. Lasciar riposare la carne per almeno la metà del tempo di cottura. Questo procedimento rende la carne più morbida e succosa
  • Tagliare le costolette e servire con patate e asparagi (nel mio caso) o quello che più vi piace! 





    NOTA: Ringrazio la mia amica fissata con le scadenze per queste meravigliose patate :-)

    2 commenti:

    1. Da un po' di anni evito (e impongo) di non cucinare tanta roba che poi finisce sempre per avanzare. Qs anno per la prima volta ho volutamente evitate di mangiare l'agnello (anche se mi piace molto). Inizia a comandare il mio cervello al posto del mio stomaco! :-)
      Così mi sono saziata guardando le foto degli altri blog. Buona giornata!!

      RispondiElimina
      Risposte
      1. In realtà gli avanzi sono stati ben pochi, il vero problema é il doppio ordine di agnello. Che già uno, per l'amor, ma due? ahah :-)
        Un bacione

        Elimina

    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...