mercoledì 10 luglio 2013

Profumo di mare

Chiudete gli occhi e immaginate. Rilassati e tranquilli.

C'é tanto sole, un mare dalle mille sfumature.
Ci sono le baie bianche e anche quelle blu. 
Entrambe vengono definite paradisiache.
C'é il rumore delle onde.
Vicine.
Si appoggiano dolcemente allo scafo della barca.
A vela.
Bella.
Grande.
Maestosa.
C'é il rumore dei gabbiani.
Dei delfini se sei fortunato.
Dei pesci se si mettono in testa di fare acrobazie gratuite.
E poi c'é un rumore di pentole, mestoli e affini.
Ecco, quella sono io.
Cari Amici, l'Asina Elvira parte domani per 15 giorni a bordo di una barca quale chef privato (lo so che me la tiro, ma dire cuoca non ha lo stesso effetto). 
Probabilmente non vedrò tanto sole, tanto mare, tanto pesce (vivo) o delfini. 
Ma chissà che esperienza!

Ci sentiamo al rientro (o durante?), buone vacanze a tutti dall'Asino Marinato.

GAMBERI IN PASTA KADAIF con SALSA AGRODOLCE (4 persone)

20 gamberi
1 tazza di acqua
1/2 tazza di zucchero
1/2 tazza di aceto
3 cucchiai di passata di pomodoro
1 cucchiaino di Maizena
q.b. salsa di soia
q.b. tabasco
q.b. pasta Kadaif (solitamente si trova congelata)
q.b. peperoncino secco
  • In un pentolino unire l'acqua, lo zucchero, l'aceto, la passata di pomodoro e la maizena. Mescolare con una frusta per evitare che si formino dei grumi. Portare ad ebollizione, abbassare il fuoco e lasciar addensare per una decina di minuti. Non fosse abbastanza denso, in una ciotolina diluire 1/4 di cucchiaino di maizena in acqua fredda e aggiungere alla salsa mescolando. MAI aggiungere maizena in un composto caldo senza averla fatta sciogliere prima
  • Togliere il filino nero (intestino) ai gamberi. Marinarli in poca salsa di soia e peperoncino (opzionale) per qualche minuto. Asciugarli leggermente nella carta cucina e avvolgerli nella kadaif a piacere. Più disordinato é, più bello sarà. Appoggiare su di una teglia foderata di carta forno e infornare in forno già caldo a 200-220°C per 8-10 minuti
  • Servire con la salsa agrodolce



NOTA:
La pasta Kadaif é stata "inventata" dagli Ottomani e ad oggi é molto utilizzata in paesi come Grecia, Turchia e Mondo Arabo. Viene soprattutto utilizzata per la preparazione di dessert imbevuti da sciroppi mooooolto dolci. Un esempio fra i tanti i famosi baklava.
Credo non potesse esserci ricetta migliore vista la situazione :-)
Ahh dimenticavo, io li ho fatti cuocere al forno perché non amo friggere in casa (no, non per questioni salutari quanto di odore e olio da riciclare) però se voi siete dei fan della friggitrice, lanciatevi! Fritti questi gamberi devono essere la fine del mondo.

5 commenti:

  1. Favolosa esperienza!!! Buona vacanza-lavoro, poi ci racconti tutto!!!

    RispondiElimina
  2. Brava Elvi, ma com'è che quando parti fai sempre cose EXTRAordinarie? :-)
    Attendo i racconti.
    bacioni e fai la brava

    RispondiElimina
  3. Ma bello! E impegnativo anche...ma sono molto curiosa di leggero al rientro. Buon lavoro e cerca anche di divertirti. Baci

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...