sabato 25 gennaio 2014

Terapia

La stessa sensazione, ogni anno.
In realtà ogni giorno o per lo meno, lasciando stare la finta ipocrisia, ogni volta che si fa un tuffo nel passato.
Quei visi, quei racconti, quei ricordi che restano incollati a te. Spesso e volentieri, al giorno d'oggi, si dimentica. Si affrontano talmente tante novità, sfide, avventure, siamo talmente sollecitati da questa vita complicata, che molte cose svaniscono, come se non fossero successe mai. O almeno, così sembra.
Ma questa esperienza, questa no.
Ti rimane nel cuore, ma forse peggio, nella testa. Luogo razionale, dove le cose non hanno scivoli di gradimento che vanno dalle stelle alle stalle, nella testa tutto resta nitido, semplice, così come l'hai lasciato.
Una volta all'anno vai a quella assemblea, più o meno le solite facce, più o meno i soliti racconti. Sempre le stesse sensazioni.
Quando torniamo?
A bruciapelo risponderei subito, anche oggi. Poi ci ripenso, ed esce quel lato codardo che in realtà nella vita reale non ho. Quella paura, quel timore, quell'ansia che non sarà la stessa cosa. Quel rischio da teenager (concedetemi il paragone pessimo) quando vuoi tornare nello stesso villaggio dell'anno prima ma tutti gli amici non ci sono più.
Mi sbaglio.
Lo so.
Sarebbe comunque splendido, e forse anche di più conoscendo già tutti i meccanismi. Poter aiutare nuove persone, nuovi visi stupiti nel vedere che sì, c'é qualcuno che tiene a loro.
E in fin dei conti, poter aiutare anche se stessi, perché non c'é miglior terapia del far star bene.


TOM KHA GAI (4 persone)

2 petti di pollo
2 bastoncini di lemongrass (citronella)
1.5L brodo di pollo
6 foglie di kaffir
2 scalogni
1-2 lime
2-3 peperoncini freschi (rossi o verdi)
400g latte di cocco
qb basilico thai
qb zenzero fresco
qb salsa di pesce
  • Preparare il brodo di pollo
  • Togliere la parte dura del lemongrass (i primi due strati), tagliarla a bastoncini e schiacciarla leggermente, aggiungere al brodo. Fare lo stesso con lo zenzero grattugiato, le foglie di kaffir spezzate e lo scalogne tritato. Lasciar sobbollire il tutto per 1h
  • Filtrare il brodo, aggiungere il latte di cocco, il succo di lime, il peperoncino fresco tritato, la salsa di pesce, portare a bollore. Aggiungere il pollo tagliato a tocchetti e lasciar cuocere per 10 minuti a fuoco medio
  • Servire con le foglie di basilico thai




NOTE:
Il pollo si può sostituire con dei gamberi crudi. Per cuocerli immergerli nel brodo a fuoco spento qualche minuto prima di servire la minestra. Così resteranno cotti al punto giusto e belli morbidi.
Eventualmente rinunciare alla salsa di pesce se non l'avete a casa, serve a dare gusto ma se il vostro brodo é già saporito si può evitare. Per il lime e il peperoncino andate a vostro gusto.


PS: Ahimé all'epoca della ricetta avevo scattato solo una foto veloce... Me tapina.

6 commenti:

  1. hai ragione su l'ipocrisia,comunque,all'giorno d'oggi,lo siamo tutti,ipocrtiti,portiamo delle maaschere,e siamo falsi,comunque,e cattivi,come non posso,darti ragione,ciao

    RispondiElimina
  2. Beh, pensa che io non sono mai tornata a Madrid, dove ho vissuto alcuni mesi splendidi, proprio per non rovinare il ricordo ^^'

    RispondiElimina
  3. Ricordo ancora la cronaca del tuo viaggio e proprio in questi giorni mi chiedevo se saresti ripartita per qualche altra stupenda avventura. I viaggi cambiano le persone. I viaggi fanno le persone.
    Ti abbraccio mia cara. Pat

    RispondiElimina
  4. Ciao. Ho una domanda che non centra niente con quanto sopra.
    Ho provato oggi la ricetta x le caramelle mou (fudge). Posso tralasciare il miele? Il gusto è troppo forte

    RispondiElimina
  5. Di Domeniche pomeriggio di pioggia e gnagna a livelli esponenziali, in cui ti è di consolazione il pensiero di un'amica lontana, i suoi viaggi e la sua bellezza interiora.
    Sì, i foodblog delle volte sono case accoglienti in cui puoi rifugiarti.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...