lunedì 31 marzo 2014

Ciao Teppista!

Ho paura.
Molta.
Non tanto del distacco vero e proprio, per carità, anche, ma più di tutto ho paura di me stessa.
Ho paura di diventare egoista, di non riuscire a scindere, di soffrire e far soffrire.
Non so se sarò in grado di capire quando sarà il momento.
Sembra così difficile.
Quello sguardo sempre attivo, quella voglia di giocare sempre presente, quell'amore incondizionato. Forse maggiore, man mano che passano i giorni.

Venerdì scrivevo così.
Venerdì non sapevo niente.
Venerdì mi sentivo ancora protagonista, a malincuore.
Venerdì l'ho visto stare male, ho capito che non ci sarebbero più state tante magnolie in fiore, tante ore legali, tante colombe o profumi di salsedine.
Venerdì ho dormito con lui, per terra, tenendogli la zampa manco fosse una persona.
Venerdì lui appoggiava il suo musone lungo sulla mia mano.
Venerdì notte é sembrata lunga una vita, io e Lui ci guardavamo complici, una di quelle complicità di tristezza che ti portano ad affrontare meglio le situazioni.
Venerdì notte abbiamo tenuto la luce accesa, una lucina fioca, come quella delle stanze dei bimbi che hanno paura del buio. Fioca ma calda, la luce di chi spera.
Venerdì abbiamo ancora riso e scherzato con lui, come sempre, come se servisse.

Sabato non c'era più.
È volato in cielo verso il famoso ponte degli animali, verso quel posto dove dolori e acciacchi di vecchiaia non si sentono più. Ha scelto di nuovo per noi.
Grazie Mr Geido per questi bellissimi anni assieme, avrei voluto scrivere di quanto teppista fossi, del tuo essere manipolatore mentale e attore drammatico allo stesso tempo. Avrei voluto dire quante volte hai distrutto cose in casa, di come, prima di uscire, bisognava fare un check degno di pilota di un boeing. Di quante cose hai rubato (e quindi ingerito) tra palloni da calcio, capsule nespresso, bende & garze, pannecotte, scarpe, occhiali, caramelle, cioccolatini, asciugamani, tappetini, pigne e molto altro ancora. Avrei voluto raccontare di tutti i momenti felici e persino di quelli da incazzata (causa tua), ma non ce l'ho fatta.
Ci mancherai.
Oh, quanto ci mancherai.


PANNA COTTA - la tua passione (10-15 bicchierini)

500g panna intera
2 cucchiai di zucchero
1 punta di coltello di semi di vaniglia (o un baccello tagliato)
2 fogli di gelatina
qb frutti di bosco
  • In un pentolino portare a bollore (facendo attenzione a non farla fuoriuscire) la panna con lo zucchero e la vaniglia. Far sobbollire per 5 minuti circa
  • Strizzare la gelatina precedentemente ammollata in acqua fredda, buttarla nella panna fuori dal fuoco e mescolare bene con una frusta per evitare che si formino dei grumi. Eventualmente passare al colino (questo passaggio é necessario nel caso si fosse utilizzato il baccello). Versare il composto nei bicchierini, lasciar raffreddare e mettere nel frigorifero per un paio di ore
  • Servire la pannacotta con i frutti di bosco




NOTA:
I frutti di bosco possono essere freschi oppure congelati. Nel caso fossero congelati scaldarli con un po' di zucchero in un pentolino, farli raffreddare e mettere sulle pannecotte.
Si possono utilizzare anche delle fragole fresche, delle albicocche, prugne, pesche o qualsiasi altro frutto...




15 commenti:

  1. Oh, povero Mr Geido! :______(

    RispondiElimina
  2. Se n`è andato un membro della famiglia....mi dispiace tanto!!!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Sono tanto addolorata per te. Capisco il dolore che provi perchè io stessaancora non ho superato la perdita del mio fratellone peloso dopo un anno e mezzo. So che niente può alleviare il dolore che si prova se non il pensiero che lo avete sicuramente reso felice e amato....
    un abbraccio forte.
    ciao Mr Geido

    RispondiElimina
  4. Mi dispiace moltissimo, comprendo il tuo dolore e sarà difficile abituarsi a vivere senza Mr Geido... ma nulla è mai perso davvero quando si parla di amore. Lo ritroverai senz'altro, nei ricordi, ma anche in certi speciali attimi presenti... e credo anche che, prima o poi, vi guarderete di nuovo negli occhi e gli terrai ancora la zampa. Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Sono commossa, capisco benissimo cosa provi, perchè ci sono passata più volte, e anche adesso che ho due cani di 13 e forse 12 anni purtroppo ci penso ogni giorno e spero c'è vivano più a lungo possibile! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. ti mancherà, ti mancherà un monte, un sacco, un vagone.
    ti mancherà da qui all'infinito e non lo scorderai, io sto piangendo mentre scrivo Eleonora, perchè ancora mi mancano i due testoni perduti tre anni fa.
    ho sopperito con la Holly, grande dispensatrice di affetto, leccate e zampate.....
    ma mi mancano ugualmente, solo che diventa più sopportabile.
    buon vento a Mr Geido!
    Sandra

    RispondiElimina
  7. Mi spiace tanto...le tue parole sono bellissime, come bellissimo sarà stato il tempo passato con lui. E' questo quello che conta. Buon viaggio Mr Geido!

    RispondiElimina
  8. ti abbraccio, comprendo il tuo dolore, così è stato per me con Rufus. Gisella

    RispondiElimina
  9. Anche se non ci conosciamo .... un abbraccio forte forte! Michela

    RispondiElimina
  10. Ho letto questo tuo post con il cuore in lacrime perché in ogni tua parola ho rivisto me stessa quando la mia Bella se n'è andata. Un pastore tedesco come il tuo Mr Geido, lo stesso sguardo adorabile e umano, fin all'ultimo istante, quando la sofferenza l'aveva trasformata in un esserino indifeso ed irriconoscibile. Non ho più avuto cani da allora. Non credo di volerne, forse è un modo di difendermi da un ennesimo dolore. Ti abbraccio forte cara Eleonora. E mando un bacio a lui, che hai fatto entrare nelle nostre vite con i tuoi meravigliosi racconti.
    Pat

    RispondiElimina
  11. Mi dispiace davvero tanto...ho letto con le lacrime agli occhi..gli animali sono preziosi ti amano incondizionatamente e si fanno amare tantissimo ed è per questo che quando vengono a mancare noi soffriamo come se fosse morta una persona cara. E' da tanto che non aggiorno il mio blog ed era da tanto che non passavo di qui e la prima cosa che leggo è che Mr Geido non c'è più, me lo sono ricordato subito, mi sono ricordata del vostro amore per lui e mi dispiace proprio un sacco. Un bacione grande

    RispondiElimina
  12. Gli animali son maestri di vita capaci di vivere il momento e di amare in maniere incondizionata.
    Mi avete fatto commuovere.

    Giorgia
    www.gvn-styleblog.blogspot.com



    RispondiElimina
  13. Hi there! I could have sworn I've been to this site before but after reading through some of the post I realized it's new
    to me. Nonetheless, I'm definitely delighted I found it and I'll be book-marking and checking back frequently!


    My web-site :: title loans online ()

    RispondiElimina
  14. Oh Elvira, mi dispiace tantissimo! Data la mia assenza dal blog non mi ero accorta di nulla, scusami e ti abbraccio forte forte.
    Tiziana

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...