giovedì 6 ottobre 2016

PANZA

Per carità, possiamo star qui a dirci che i chili presi in gravidanza siano il frutto dell'amore. Che chi ha avuto smagliature si porterà per sempre la gioia (?!) e il ricordo del proprio pargoletto. Possiamo raccontarci che chissenefrega ci sono cose più importanti, che avere quel frugoletto tra le mani ci fa dimenticare i 10-15-30kg di troppo.
Bene, mi dissocio.
Che io non sia una fanatica del fitness e del corpo scolpito siamo tutti d'accordo, che sono una golosa anche. Ma un conto é avere una bella pancia tonda (a punta, bassa, alta, grossa, piccola) contenente un bimbo, per cui simil-soda. Un conto é quella cosa che ti rimane.
Già, dopo aver partorito la pancia scende, verissimo. Ci mancherebbe, oserei dire. Tra bimbo, placenta, utero e quant'altro la maggior parte del volume (e dei chili) dovrebbero sparire nel giro di qualche giorno.
Il problema é quel che resta.
Un salvagente mollaccione che nemmeno l'orso Yogi. No, non sto esagerando. Sono arrivata al punto da mettere la crema con la punta delle dita perché tutto quel flaccidume mi mette quasi l'ansia.
Ho detto quasi.
La ciliegina sulla torta?
"Dopo il parto mi metto subito in riga che le ultime settimane di gravidanza mi sono data alla pazza gioia".
Ecco.
No.
Ma per niente.
Proprio zero.
Che se per 9 mesi non ho avuto una voglia particolare, dal 19 settembre sembro un'idrovora. Anzi, non é vero. Mi ero quasi sorpresa i primi giorni dopo il parto: fame zero. Era come se fossi innamorata, avessi le farfalle nello stomaco e non riuscissi ad inghiottire nulla. Mi dovevo quasi sforzare, manco fossi tornata a 15 anni e al primo fidanzatino.
Ecco, é durata un paio di giorni.
Adesso passo le mie giornate ad aspettare il pranzo, la merenda e la cena. Possibilmente a base di grassi, carboidrati, zuccheri e chi più ne ha più ne metta.
Ci provo il lunedì mattina a propormi cibi sani, verdure e carni ai ferri. Eccome se ci provo.
Ma volete mettere una bella fetta di salame dopo tanti mesi di astinenza?
Così non biasimatemi se con questo tempo autunnale (ma fino a ieri ancora estivo) vi propongo una ricetta super light ma, credetemi, buona da morire!
Anzi, sembra quasi di mangiare una porcata.
Ho detto quasi.

PARMIGIANA di VERDURE (4 persone)

1 melanzana
1 zucchina
2 pomodori tondi
1 patata "grande"
2 cipolle rosse
2-3 cucchiai di parmigiano
3-4 cucchiai di pangrattato
qb sale & pepe
qb olio d'oliva
  • Lavare le verdure, sbucciare le patate e le cipolle. Con l'aiuto di una mandolina (o con un coltello) tagliare delle rondelle da 3-4mm di spessore
  • Oliare una teglia rettangolare e disporre le verdure. Dapprima uno strato di melanzane a seguire le zucchine, i pomodori, le patate e le cipolle. Salare e pepare, aggiungere una spolverata di parmigiano e di pan grattato. Ricominciare con melanzane, zucchine, pomodori, patate e cipolle. Finire con un altro strato di pomodori, salare e pepare nuovamente, aggiungere un'altra spolverata di parmigiano e di pangrattato. Oliare la superficie
  • Infornare il tutto a 180-200°C per 25-30 minuti. Togliere dal forno, con l'aiuto di una paletta schiacciare la superficie così che gli strati si uniscano tra loro. Infornare nuovamente per altri 5-10 minuti. Fare il test cottura con un coltello, se entra facilmente le verdure sono cotte
  • Lasciar intiepidire e servire. Ancora meglio se fatto raffreddare e riportato a temperatura



NOTE:
Sostituire le verdure a proprio piacere. Per una versione meno light aggiungere dei bocconcini di mozzarella qua e là :-)

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...