martedì 27 settembre 2011

Il vedo - non vedo

Mentre facevo il tragitto per venire al lavoro mi sono resa conto di quante cose ignoro nelle cosiddette “Giornate NO” e quante invece apprezzo nelle “Giornate SI”. Oggi, ad esempio, mi sento una sorta di uragano di allegria, sprizzo gioia da tutti i pori e ho passato metà viaggio a salutare gente a caso, cantare a scuarciagola in auto (n.d.r. Raphael Gualazzi ... ♫♪♫  Reality or Fantasy ♪♫) e osservare le persone che incontravo. Ho visto i bambini andare a scuola e chiacchierare tra loro come adulti, ho notato i lavoratori incazzati nelle loro Mercedes pulite (sì lo ammetto, la mia auto é sporca da far schifo e la mia é pura gelosia...) e persino una signora anziana che portava a spasso il suo labrador di pochi mesi che non ne voleva sapere di mettere in pratica il corso per cani cuccioli.
Insomma, queste cose non si notano a meno che uno non apra gli occhi e cerchi di godere la giornata dalla A alla Z.
Ma ora basta con i moralismi gratuiti, parliamo di cose serie. In una giornata come questa, dopo aver appurato che certe cose non si notano/apprezzano sempre (PURTROPPO!) mi sento di proporre una ricetta un po’ così: I BIGNÈ.

Vi starete domandando il motivo di tale accostamento.. Ma vi é mai capitato di essere convinti di mangiare un bigné alla crema e invece vi capita quello allo zabaione?? O meglio ancora quello alla crema di nocciole?? Per non parlare di quando siete convinti di mangiare uno sfizioso bigné dolce e invece vi capita il bigné farcito di crema al salmone!... A volte la vita é imprevedibile e certe cose non vanno sottovalutate... E BASTA CON STI MORALISMI!! 

BIGNÈ RICETTA BASE (20 – 30 pezzi)
Nota: essendo celiaca ho usato farina senza glutine Schär ed erano buonissimi!

 
2dl Acqua
70g Burro
1 presa di sale
140g di farina
3-4 uova



Portare ad ebollizione l’acqua in una pentola (se possibile antiaderente) con il burro e il sale. 
Unire poi tutta la farina.
Mescolare con un mestolo (si suggerisce di usare un mestolo di legno, io personalmente li trovo poco igienici per cui utilizzo quello di plastica e va benissimo!) finché si forma una massa consistente che si stacca bene dal fondo della padella. Per intenderci sembra un po’ una massa collosa (direi anche una palla di puré...), ben unita che non si appiccica né al mestolo né pentola.




Versate l’impasto in una ciotola e fate intiepidire il composto (indicativamente 5 – 10 minuti) e unite le uova ad una ad una finché il composto risulta morbido, liscio e cremoso ma NON liquido.
Riempire una sacca da pasticceria (se non ce l’avete usate dei sacchetti usa&getta facendo un buco al fondo.. non saranno stupendi ma in mancanza di altro é un metodo che funziona) usando una bocca dentata (di nuovo, se preferite dei bigné semplici mettete una bocchetta normale).




Su una teglia foderata con la carta da forno iniziate a modellare i vostri bigné, io vi consiglio di farli non troppo grandi ma nemmeno troppo piccoli considerando che andranno poi farciti. Mi raccomando, mantenete un certo distacco tra un bigné e l’altro!

Cuocerli nel forno pre riscaldato a 180°C per 25 – 30 minuti





Un trucchetto: una volta cotti lasciateli nel forno spento a riposare per una decina di minuti, così facendo non si sgonfieranno subito e resteranno croccanti. Inversamente se li preferite “mollicci” toglieteli dal forno e lasciateli afflosciare.






 ... E dentro cosa ci mettiamo??...
Asinochileggeancora lo saprà...

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...