mercoledì 15 febbraio 2012

La zucca di Cenerentola

San Valentino é passato, per fortuna!
Mi ero quasi dimenticata la vera ragione per la quale non amo festeggiare il 14 di febbraio, e non é la gelosia per queste ragazze sedute in una carrozza da Cenerentola nelle vie Parigine.
Bensì la tristezza delle coppie al ristorante.
Il mio programma per ieri sera era basato su una GIRLS' NIGHT a base di vino rosso, formaggio e cioccolato (what else?) condito con un regalino tra amiche. Insomma, un San Valentino per eccellenza (almeno sai che il regalo ti piace).
Ad ogni modo, camminando in tuta (ahah già, di nuovo!! Ma era una serata "felpa&leggings") diretta verso la casa dell'Americana1 mi sono imbattuta in donne imbronciate attaccate all'iPhone, uomini che compravano le ultime margherite sfiorite dal fiorista notturno, coppie annoiate che osservavano i passanti e altre che erano troppo, fin troppo, interessate ai loro piatti. Ma dico: perché? Per fortuna ad un certo punto ho intravisto una coppia di signori anziani (mamma più o meno tua età.. ah ah ah) che si guardava ancora con un'aria di complicità, chiacchierava, sorseggiava un buon rosso e festeggiava. Mi rendo conto che possa sembrare un cliché, ma credetemi, era proprio così! E noi giovincelli dovremmo prendere esempio da queste coppie, oppure fare come me: abbuffata al femminile. Non delude mai! Non mi credete? Guardate che meraviglia!
Ora, passiamo alla ricetta di oggi che probabilmente Lui avrebbe sognato come colazione di San Valentino. Magari l'anno prossimo? Vediamo, dipende dal baratto: anello di fidanzamento per pain au chocolat? Andata! Mi sembra un buon compromesso.


PAIN AU CHOCOLAT (30 pezzi)
1kg farina
100g burro
25g sale
150g zucchero
30g lievito fresco
570ml acqua
600g burro secco
q.b. stecchette di cioccolato
2 uova


In una ciotola posizionare a debita distanza lo zucchero, il sale e il lievito. Aggiungere l'acqua e mescolare per bene per far sciogliere tutti gli elementi. Fare sciogliere il burro in un pentolino e aggiungerlo al composto.
Aggiungere la farina e impastare fino ad ottenere un impasto omogeneo ma non liscio, non lavorare troppo la pasta!! Lasciare lievitare per 30-40 minuti.
Lavorare la pasta per sgonfiarla, metterla in una ciotola coperta e lasciare lievitare lentamente nel frigorifero per 24h.
Prendere il burro secco e picchiarlo con il mattarello un paio di volte per ammorbidirlo. Prendere l'impasto (détrempe) e abbassarlo in un cerchio abbastanza grande da contenere il burro secco. Non lavorate troppo la pasta per evitare di scaldarla eccessivamente.
Posizionate il burro secco nel mezzo del cerchio e richiudetelo un po' come per la pasta sfoglia.
PRIMA PIEGA
Una volta racchiuso (fate molta attenzione a chiuderlo bene!) picchiate nuovamente con il mattarello e iniziate a stendere la pasta in un lungo rettangolo (diciamo 2-3 volte la lunghezza del vostro mattarello). Mi raccomando, stendetela spianando in una sola direzione. Ottenuto il rettangolo togliete la farina in eccesso con una scopetta e piegate in 3 (come per la pasta sfoglia). Girate di 90°.
SECONDA PIEGA
Stendere nuovamente l'impasto in un lungo rettangolo (2-3 volte la lunghezza del vostro mattarello) spianando sempre nella stessa direzione. Togliere la farina in eccesso e piegare 3 volte come imparato per la pasta sfoglia. Girate di 90°C.
Mettete nel frigorifero coperto da pellicola trasparente per 15-20 minuti.
TERZA PIEGA
Prendete la pasta riposata e stendetela in un rettangolo facendo molta attenzione che sia sempre girata di 90° (apertura a libro per capirci). Stendere la pasta in un lungo rettangolo (2-3 volte la lunghezza del vostro mattarello) e piegare in 3 come per la pasta sfoglia. Girare di 90°.
FINALIZZAZIONE
Stendere l'impasto in un rettangolo e dividere in due seguendo il lato lungo. Avrete davanti a voi due rettangoli stretti ma lunghi. Mettete uno dei due nel frigorifero coperto da pellicola.
ASSEMBLAGGIO
Abbassare nuovamente la striscia in entrambe le direzioni (altezza e larghezza) senza però esagerare. La striscia sarà relativamente lunga (1.5-2m) quindi volendo potreste tagliarla nuovamente in due. L'altezza della striscia deve essere di circa 15-20 cm e lo spessore di 3-4mm.
Ora, davanti a voi avete un rettangolo con il lato lungo verso di voi. Posizionate le stanghette di cioccolato (si trovano in commercio, altrimenti createvi voi le vostre striscioline di cioccolato lunghe 7cm circa) sul bordo superiore e tagliate i rettangoli (sono riuscita a fare una foto di questo passaggio!!).
Arrotolate la pasta sulla stanghetta di cioccolato una volta, posizionate una seconda stanghetta e rotolate per altri 2 giri. Se la pasta é troppo lunga, tagliatela.
Posizionate il vostro pain au chocolat su una teglia con la piega/apertura all'ingiù schiacciando leggermente con le mani per farlo stare e togliergli la forma cilindrica.
Ripetete l'operazione con tutto l'impasto. Spennellare la superficie con un tuorlo + 1 uovo.
Lasciare lievitare per un'oretta circa (finché ha raddoppiato di volume) a temperatura ambiente. Il meglio sarebbe utilizzare il mio metodo interrogatorio (che equivale al più evoluto lasciare i pains au chocolat nel forno spento con la luce accesa).
Una volta lievitato togliere dal forno e riscaldare quest'ultimo a 180°C.
Spennellare nuovamente la superficie con l'uovo e infornare per 10-15 minuti a dipendenza del vostro forno. 
Et voilà i vostri pains au chocolat maison :)


Questi sono quelli dello Chef. Quelli sotto sono i miei!
 

NOTA:
Con lo stesso impasto si possono preparare i croissants. Il procedimento é lo stesso e al posto di tagliare dei rettangoli dovrete tagliare dei triangoli. Evitate di spianare troppo la pasta (come ho fatto io) o vi ritroverete con dei mini croissants!
Come per la pasta sfoglia se non doveste trovare il burro secco potete usare la margarina o il burro normale.
I nostri prodotti non hanno fatto in tempo a lievitare per questioni di tempo, per cui i vostri saranno sicuramente più belli! :)
Volendo questi prodotti si possono congelare dopo essere lievitati e per cucinarli basta infilarli nel forno caldo senza bisogno di scongelarli. Secondo me questo é il modo migliore per congelarli. Altrimenti si può congelare l'impasto o il pain au chocolat non ancora lievitato, ma trovo sia uno spreco di tempo.
Se non doveste avere il tempo di fare lievitare l'impasto la prima volta (per 30-40 minuti), potete direttamente metterlo nella ciotola in frigorifero. Ma questa operazione darà un gusto molto più particolare ai vostri dolcetti. FATELO.

Con questa ricetta partecipo al mio primo contest (wwwooooowwww!). Non potevo non partecipare visto che si tratta di BURRO PARTY e io qui ne ho da vendere! :)
Cara Mercoledì, spero che questa ricetta sia di tuo gradimento.

33 commenti:

  1. Io oggi dovevo cominciare la dieta da dolci...ma come faccio a non provare questa??! complimenti e in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  2. Finalmente la ricetta del pain au chocolat! Ora non ho più scuse :)
    Cmq senti, avendo lavorato in ristorante come cameriera ho notato che a san valentino tante coppie vanno a mangiar fuori per annoiarsi un pò insieme...gente che in tutta la cena scambia 3 parole (i cavoli miei io MAI) e così per tutte le feste comandate. Grazie a questo ho sviluppato un vago terrore per le cene a due in ristorante (lui mi prega, io non cedo: non finiremo così!).
    Molto meglio la girl's night out a base di formaggio :)

    RispondiElimina
  3. Hai fatto proprio bene...un abbuffata perfetta! Io ho passato uno dei miei S.Valentino proprio a Parigi...che freddo che c'era e aveva anche nevicato! Il tuo lavoro ( un lavoraccio lo so, specie per la pasta sfoglia, che mane alle mani che viene!!!)è super super fantastico, ti sono venuti bene e sopratutto ben sfogliati..la mia colazione parigini era: Cornetto o pane al cioccolato oltre che la baguette con burro e marmellata.

    RispondiElimina
  4. Sei fortissima ^_^ Cmq concordo sull'abbuffata al femminile, anche a me S.Valentino non è mai piaciuto come neanche la festa della donna. Controcorrente lo so ma è così!
    Sarebbe un sogno avere adesso una delle tue brioche a colazione...che spettacolo! Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  5. A me piace moltissimo...In bocca al lupo allora per il contest!!!!
    Bellissima l'abbuffata tra donne....quanto mi sarebbe piaciuto partecipare...
    Un bacione!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Buongiorno :) sono ripassata stamattina per dare un'altra occhiata alle brioches...sì erano invitanti come ricordavo :)

    RispondiElimina
  7. le coppie stanche ed annoiate che festeggiano le occasioni comandate solo perchè "si deve" sono tra le cose più deprimenti che esistono!
    in bocca al lupo per il contest :)

    RispondiElimina
  8. ciao grazie per essere passata a trovarmi!!!queste brioche sono perfette..bravissima!!! ne prendo giusto un paio ..a presto

    RispondiElimina
  9. Sinceramente mettono una tale tristezza anche a me.. per qeusto non esco fuori a cena per San Valentino da quando avevo 19 anni! ahahaahahah Buona la serata tra amiche però, alla faccia! e i croissant e i pani al cioccolato??? li voglio anche io.. non ti regalo un anello... ma un tè va bene? hihihi Baci e buona giornata :-)

    RispondiElimina
  10. Ciao! Grazie per essere passata da me! Mi hai permesso di conoscere questo tuo golosissimo mondo!! *_*
    Ti seguo da oggi...

    RispondiElimina
  11. il pain e' strepitoso ma mi ci vuole un sacco di tempo per farlo.... non e' che me ne porti un po'?! la carrozza e' orribile argh .... e credo che il vino rosso mantenga giovani ecco perche' i due signori anziani lo sorseggiavano e tu che sei sempre all'avanguardia hai fatto lo stesso:-P baci cara

    RispondiElimina
  12. Ciao! Grazie di esser passata nella mia tana :)
    Ho letto il post tutto di un fiato e mi è sembrato di sentire il profumo di questi pain appena sfornati. E poi mi sono divertita tanto a leggere di te, mi piace come scrivi!
    Ti auguro una buona giornata!
    Mopo

    RispondiElimina
  13. Che meraviglia queste delizie al cioccolato!!!!!!!!!!!Meglio di San Valentino in coppia!!!!!!!!!!!Buon proseguimento!!!!!

    RispondiElimina
  14. Una bastardata così potevi evitarla a tua madre: cosa mi è venuto in testa di passare dal tuo blog oggi!! Così io e tuo padre saremmo una coppia di ANZIANI?ma come?? Mi hai smontata come un soufflé, ero pronta, paillette s-lustrini-piume e trombetta per l'inizio del carnevale, pronta per la trasgressione e ora mi sento definire ANZIANA? Vuol dire che sono anziana pure per il carnevale? Oddio! Mi svesto e vado a nanna ora, sono le 18, con un muso così con te e con tutto il mondo, ANZIANA a me!!! Mi rifàro domani sera, BURKA e guanti.... Altro che anziana!!!
    Ps: tuo padre panzettina uscirà sicuro, doppia incazzatura...
    Ps: per tua informazione il MIO s. Valentino è stato bellissimo, da ANZIANA
    Ps: Amelia ti trasformerà in rospo

    RispondiElimina
  15. in bocca al lupo per il contest! mi piacerebbe provare, ma sono negata per le pieghe... ci ho provato un paio di volte con risultati disastrosi.....
    Clelia

    RispondiElimina
  16. Il S.Valentino declinato così non è mica male! ..per niente! Sul regalo azzeccato hai proprio ragione!
    La carrozza è un po' kitch, ma basta il pensiero, no?!
    Il pain au chocolat no, il mio regno per una cesta di pains!!!
    Non mi sono mai cimentata in questo tipo di preparazioni, ma devo dire che ne vade veramente la pena! Poi ora ho la ricetta di una maitre patissiére de Paris! (tralasciando gli accenti!)
    Grazie, ne farò tesoro! GRazie di aver partecipato al contest, la tua ricetta è in gara! A presto! ^__^

    RispondiElimina
  17. Ciaoooo non saprei dire se è più simpatica tua madre(Amelia?) o tu!!!!!!ahah ahah san valentino? e chi è??? la festa degli innamorati?allora per me è tutte le sere...però posso mica uscire sempreeeeeee?allora(spesso e volentieri)candele accese e fiori e perchè no...anche diverbi...e un si pole mia andà sempre d'accordooooooo xoxo L.

    RispondiElimina
  18. Favolosi questi pain au chocolate, anche se sono negata sui dolci la tua ricetta è così ben articolata che quasi quasi ci potrei provare.
    Complimenti alle foto, fan vinire l'acquolina in bocca!

    RispondiElimina
  19. Grazie per essere passata da me...e condivido l'idea che a San Valentino si può essere tutti più normali, tanto se ci si vuole bene ci sono 365 giorni per farlo no? Per quanto riguarda il pelosone "di là"...non ha ancora trovato casa...magari se conosci qualcuno....!!!! Buon fine settimana, Anna

    RispondiElimina
  20. Entrare nel tuo blog mi fa rivivere tutti i ricordi dei miei anni nella tanto amata Paris! E poi... complimenti.... i tuoi pain au chocolat sono fantastici ( io andavo sempre a mangiarli a colazione Chez Paul di fianco all Hotel de Ville)... Mi farebbe piacere se mi passasi a trovare! Ti aspetto!

    RispondiElimina
  21. Ciao "Elvira", da una precedente visita al tuo blog ho scoperto che non è il tuo nome (e da approfondite quanto brevi ricerche in internet ho scoperto che invece si tratta del nome di battesimo di nonna papera ahahah, geniale) ma chiamarti "asino" non mi pare carino. Ti ringrazio per la visita e per il commento, molto graditi, che ricambio volentieri. Complimenti a te per l'ottima scrittura e le ricette deliziose, il tuo blog è piacevolissimo.
    La tristezza delle coppie al ristorante nel giorno di San Valentino, ha sempre colpito anche me, al pari delle donne al ristorante l'8 marzo. Ma che dobbiamo fare, è l'autolesionismo imperante.

    Ciao, a presto :-)

    Viviana

    RispondiElimina
  22. Che meraviglia! e che bonta' sopratutto....ne sono putroppo golosa ;))

    RispondiElimina
  23. Ucciderei per un pain au chocolat iin questo momento...sarà che sono pre-ciclo. O forse è solo la mia innata e spudoratissima golosità :-D

    RispondiElimina
  24. Incredibilmente bella questa ricetta, l'esecuzione, la spiegazione e infine la foto! COMPLIMENTI!!!!!! :-)

    RispondiElimina
  25. Li preparo anch'io in modo meno preciso e raffinato; la tua foto comunque mi aiut a risolvere un problema "tecnico" che avevo risolto in modoun po' artigianale.
    Grazie mille!
    Claudette

    RispondiElimina
  26. Senti, io all'inizio mi stavo soffermando sulla preparazione... poi mi sono soffermata sulle foto del prodotto finito. Non me ne staccavo più e mi hai fatto venire una voglia!!!!!! E mo, alle dieci e mezzo di sera, come faccio????

    RispondiElimina
  27. Ragazzi infatti il mio consiglio é quello di andare dal pasticcere di fiducia e sbranare il bancale! ahah altro che giri e rigiri e burro e non burro, prima lievitazione, seconda, terza, quinta.. mamma mia che fatica per ingrassare!! :) ahaha
    Ovviamente scherzo, una volta vale la pena provare, perché sono davvero strepitosi (da quel che ho potuto vedere). Tra poco vi posto anche la ricetta per la brioche che, ahimé, é molto più lunga della mia ma anche moooolto più buona mi sa :)
    Un abbraccio e buon weekend a tutti!!
    <3

    RispondiElimina
  28. è vero!!!! ci sono stata poche volte al ristorante a san valentino, ma tipo due o tre. è una roba orrenda, e le coppie, hai ragione, sono lì che mangiano e non si parlano nemmeno... ma stare a casa no, eh??? almeno magari ascoltano il telegiornale!!
    brioche da leccare lo schermo!!

    RispondiElimina
  29. ho letto la ricetta almeno 3 volte.
    non trovo la definizione di burro secco e sono curiosissima.
    mi spiegheresti che tipo di burro è e dove si trova?
    grazie e a presto.
    hai delle ricette strepitose!

    RispondiElimina
  30. Ma sono fantastici questi Pain au chocolat!!! Li adoro!!!Sembrano fatti da una pasticceria!!! Ormai sono diventati la mia colazione preferita qui in Belgio, solo la domenica però, bisogna tenere d'occhio la linea!!!!

    RispondiElimina
  31. ma quando sei fantastico cucino con voi!

    RispondiElimina
  32. che bella ricetta complimenti!!! vedo che ce ne sono tantissime e gustosissime!! ciao felice serata!

    RispondiElimina
  33. I croissant (almeno quelli francesi) per me sono belli da vedere, ma preferisco non mangiarli!
    Mi mancano tantissimo i nostri cornetti farciti alla marmellata o al cioccolato.
    Quelli parigini hanno un gusto assolutamente piatto e burroso per me.
    Quando mi capita, mi dirigo sui pan au chocolat senza alcuna esitazione! :p

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...