lunedì 27 febbraio 2012

A Parigi tutto può succedere

Avviso ai deboli di cuore o a coloro che preferiscono la versione asino meno dettagliata e partecipe alla mia vita: saltate pure a piedi pari questo post.
Detto questo.

Da qualche giorno non sono al massimo delle mie forze, ho un po' di raffreddore, qualche emicrania martellante e persino quella tosse secca che ti fa sembrare un fumatore accanito pur avendo i polmoni candidi. Non mi sono sorpresa quando le ultime notti i risvegli notturni, il girarsi e rigirarsi nel letto e la sete da cammello fossero all'ordine del giorno.
Questa mattina però qualcosa non quadrava, molto agitata della serie tachicardia pre-esame (o inizio "partitona" Milan - Juve per chi non avesse colto) e rave party nella mia testa. Noncurante mi dirigo a scuola dove passo 2.5h di inferno assaporando pollo al dragoncello (burp), gnocchis (con la S) alla parigina (questa un giorno ve la racconto) e un professone pallosissimo. Al momento della degustazione mi rendo conto di avere una leggera nausea, qualche fiume in piena di sudore freddo nella schiena e salivazione alla Mr. Geido. Ma é soltanto quando mi dirigo alla pratica e mi ritrovo davanti un pollo da giustiziare che me ne rendo conto: OH MIO DIO SONO INCINTA! Eh certo, nausea, Lui era qui qualche settimana fa, lo sapevo che quel ritardo di 1 minuto e 28 secondi nel prendere la pillola sarebbe stato fatale...
Già, peccato che mi sono anche ricordata di avere il ciclo e di non aver passato una singola serata nelle ultime 3 settimana senza: mangiare schifezze, bere alcolici e fare le ore piccine.
Risultato?
Ho mollato pollo, aglio e cipolle dopo 1h di grandi tentativi e i consigli della receptionista su come adeguarsi ai cambiamenti lunari (secondo lei avevo il magone causato dal mio abbigliamento poco idoneo. Lunedi? Giorno della luna, vestiti di argento. Certo), ho preso un taxi convincendomi che in caso di malattia grave si possono spendere €6.40 per raggiungere casa in fretta.
Pago, scendo dal taxi e inizio a sentire che qualcosa non va. Qualcosa proprio non va. Guardo il portone, guardo la strada, guardo i passanti e anche il mio cappotto nero e le mie ballerine con le perline. Penso che due passi per fare il "ruttino riparatore" (perdonate il termine) non possono che farmi bene. Già, così é stato ma più che di una normale digestione si é trattata di una scena londinese di adolescente ubriaca fuori dal pub alle 22.30.
Dove? Be', ditemi voi se non potevo trovare posto migliore.
Ah ah ah, oggi niente ricetta (con 38 di febbre e lo stomaco a Gardaland meglio rinunciare) ma sappiate che alle 15.30 imbottita come una rockstar di farmaci ho assistito ad una lezione di esame. Sarò disgustosa ma di ferro.

Bacioni <3, o forse é meglio di no...

16 commenti:

  1. OMG mi è preso un colpo, stavo già andando a comprare la lana per fare micromaglioni :) La febbre, con nausea & co. è un segno: devi venir qua a goderti un pò di primavera :)
    Non puoi capire, io ho la febbre da pâte de sesame noir, sto studiando mousse, gelati, torte...

    RispondiElimina
  2. Oh... povera.... come ti senti ora? A presto

    RispondiElimina
  3. A me una volta è capitato di farlo su di un pullman il ruttino riparatore ahahahah...
    divano e riposo sono la miglior medicina in questi casi...guarisci presto:-)

    RispondiElimina
  4. del resto, gli gnocchiS alla parigina... ;)

    RispondiElimina
  5. Oh nooooooooooooooooooooooooo povera!!!!a me è successo fuori da un locale.. ma ero alle fraschette ed avevo bevuto romanella da far schifo! Riprenditi.. smackkkk

    RispondiElimina
  6. Il riposo è tutto quello che ci vuole!
    Riprenditi presto!!!!!!!!
    Il bacino lo accetto quando sei guarita...! ;-)
    Ciaoooo!!!!

    RispondiElimina
  7. quel minuto di ritardo nel prendere la pillola...aaaaaah, mi sono sganasciata!^_^
    cmq spero tu stia meglio.

    RispondiElimina
  8. e io che già saltellavo felice pensando a una piccola kinsella!!!!! pazzarella riguardati un pò io sono stata così 2 giorni fa...ma almeno ero murata viva nel mio bagno rosa...hahahhaahahahahahaha

    RispondiElimina
  9. scusa la domanda, magari lo hai detto mille volte, ma io sono nuova: studi cucina a Parigi? no perchè....che invidia! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti preoccupare :)
      Mi sono trasferita a Parigi a gennaio per frequentare un corso di cucina presso le Cordon Bleu :) UNa meraviglia, credimi! :)

      Elimina
  10. Cugina come va oggi? Sei ancora febbricitante?

    RispondiElimina
  11. Cavolo mi dispiace...dovresti stare a letto, quando mai si va a lezione con indisposti? :P e soprattutto: dov'è American girl 1? Chiamala, lei ha nel DNA la formula magica del brodo di pollo antinfluenzale!
    ti abbraccio cara cugina, a dmn

    RispondiElimina
  12. Bonjour, mi rendo conto che uno che legge così di fila i miei commenti mi può facilmente scambiare per una stalker! Come va oggi? Non dirmi che te ne vai di nuovo a lezione mezza morta! Un bacio cugina!

    RispondiElimina
  13. :-D dai che guarirai in fretta!!!! Un bacione!!!

    RispondiElimina
  14. può succedere di innamaorsarsi a parigi,secondo me,ciao giovanni

    RispondiElimina
  15. Ahahahahah!
    Poverina.
    Però adesso voglio sapere chi era la receptionist!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...