giovedì 20 settembre 2012

In paradiso

E pensare che non era iniziata neanche bene.
Il volo che doveva partire alle 15.00 é partito con ben 30 minuti di anticipo (ma quando mai??) con a bordo 6 persone di cui una hostess e uno steward.
Avete già volato su un jet privato da 80 posti? Io si: Lao Airlines.
L'aereo é carino seppur minuscolo e paurosamente vuoto, l'entrata é solo posteriore e le hostess non hanno un posto per sedersi: usano quello dei passeggeri. Effettivamente se la partecipazione al volo é sempre di 4-5 persone trovo inutile creare posti per lo staff.
Ad ogni modo io, Lui e gli altri tre gatti allacciamo i cinturoni mentre il pilota fa uno slalom abbastanza (troppo) rapido per raggiungere la pista e gasando in curva iniziamo il rullaggio prima di alzarci in volo. Non é tanto la piega del mezzo a quasi 90° ad intimorirmi quanto i rumori che provengono da chissà dove, gli sbalzi d'aria, la faccia della hostess e il CRACK finale del carrello ruote. Mi attacco alla cintura quando lo vedo fare una manovra kamikaze stile volo acrobatico sul Mekong e il bicchiere d'acqua mi si rovescia addosso. A 10m da terra a velocità sempre sostenuta credo di essere vicina alla fine, cerco lo sguardo di Lui ma me ne pento appena lo trovo. Incredibilmente, dopo qualche saltello in pista, atterriamo. Sani e salvi.
Ed é proprio in questo preciso istante che capita una cosa strana. Si apre il portellone e l'aereo viene invaso da un'aria positiva, un'energia fortissima, una sensazione unica.
Ora, non sono una di quelle convinte che la meditazione e la respirazione siano l'élisir di lunga vita, ma vi assicuro che mettere i piedi in Laos é stato come farsi ipnotizzare da Giucas Casella.
Io e Lui siamo in trans da ormai 2 giorni, manca poco e indosseremo un sari arancione e toseremo le nostre teste. Forse anche per questo spirito un po' troppo ZEN oggi ci siamo rovesciati in moto.
Ma che dire, anche in paradiso ci si può far male.
 





Non si poteva pretendere una vista perfetta, senza torre elettrica

 


PS: Ingrandendo l'ultima foto si potrebbe persino vedere il fango sul sedere - prova della botta presa

30 commenti:

  1. In Africa ho provato l'aeroplanino 9 posti che sembrava quello della Lego: hostess non ce n'erano ma ero seduta direttamente dietro al pilota, a ricordargli di "guidare bene" perchè io soffro il mal d'aria (Dio che vergogna, a ripensarci!!!! ^^')
    Ah e quindi quella saresti tu? Piacere! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hahah mamma mia! Mi sarebbe piaciuto vederti sul legoplane! :)
      Piacere mio mia cara, rigorosamente di profilo :)

      Elimina
  2. Io sono stata in viaggio con te tutto il tempo, grazie per questi momenti: Asino che legge!

    RispondiElimina
  3. almeno il tuo dalle foto "sembra" sicuro.
    io in Irlanda per andare sulle Aran son dovuta salire su un 8 posti dove al check in ti pesavano per poi poter bilanciare il peso sull'aereo..non è che mi dava molta sicurezza -.-
    però dai ti prego, mandaci una foto tua con la tonaca arancione e il cappellino vietnamita. diventeresti il mio mito (più di ora)
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti era impeccabile... Credo fosse semplicemnete il pilota il problema. Ho valutato che l'avessero buttato fuori dalle selezioni di volo acrobatico e per tenersi allenato lo faccia con i voli di linea.. ahaha
      Penserò a un piano su come rubare una veste da monaco e recuperare il cappellino regalato.
      Ci proverò, solo per te.

      Elimina
  4. sei fortissima :) buon proseguimento di viaggio :) ciao ciao cesca

    RispondiElimina
  5. L'importante è che sia andato tutto bene.
    Vista da dietro sembri molto carina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buona Ata :) era più per mostrare la caduta :)
      Ad ogni modo si, l'importante é essere arrivati sani e salvi :)

      Elimina
  6. tutti ci sentiamo in paradiso quando siamo in casa nostra dopo un lungo viaggio come Africa nn ci sono mai stata pure al più presto ci andrò ciao anonima

    RispondiElimina
  7. Io concordo con Anonima.
    E in effetti in alcuni casi quando i posti sono così belli forse varrebbe la pena restarci.

    RispondiElimina
  8. grazie mille Valle-SaleQuBi,mi fa piacere ke concordi con me,sono tanto contenta,mi sei simpatica tanto Vale,bacini Anonima

    RispondiElimina
  9. Grazie per condividere con noi il tuo splendido ed interessantissimo viaggio! Sei fortissima!
    Un bacio
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per seguirci, é sempre bello poter condividere le (dis)avventure :)

      Un abbraccio

      Elimina
  10. anck'io delle volte mi trovo in paradiso quando sono da sola,e ke immaggino Arfica,oh altri posti meravigliosi come questo, tv,Anonima

    RispondiElimina
  11. Tu e il tuofamosoLui siete veramente simpatici e coraggiosi e leggerti é sempre un piacere! Buon viaggio Carolina

    RispondiElimina
  12. Elvi, ma sei la mia eroina!! Ti manca un centinaio di km a dorso di un bufalo e poi hai preso tutti i mezzi di trasporto! :-) Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah sei troppo buona! Cercherò di fare la corsa al bufalo :) ahah
      Un bacione

      Elimina
  13. l'eroina sarài te,ciao Anonima

    RispondiElimina
  14. Cioè... ti si vede di profilo? Ma sei impazzita? Sono mesi che cerco di capire chi sei su google... ho assunto anche un investigatore che mi sta spennando... basta non leggo più i post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aahah cavolo e adesso come facciamo? Dovrò creare un altro blog sotto pseudonimo così ti riavrò tra i lettori??? No dai, alla fine vedi solo un profilo, mancano ancora troppi dettagli, il nome, la provenienza...
      SEI OBBLIGATO A STARE TRA GLI ASINI :)

      Elimina
  15. Vorrei solo aggiungere (il che dimostra la mia debolezza/incoerenza) che prendere un Alitalia ATR42 da Roma a Firenze non è meno avventuroso... lì i sedili delle hostess sono a scomparsa ed un paio di volte oltre a cigolii e balzoni ho visto il terrore dipingersi sul volto del personale.
    Per dirla tutta la prima volta che ho preso il fantastico mezzo ad eliche ci hanno fatto uscire sulla pista a piedi ed io mi stavo dirigendo verso un bell'aviogetto ultimo modello, lo stavo studiando (dovete sapere che verifico sempre se ci sono tutte le viti nella fusoliera) e mi sento ticchettare su una spalla: scusi dove sta andando? Il suo aereo è quello! In quel caso mi sono sforzato di non verificare la fusoliera... per non essere consapevole di quello che stava per succedere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ma sei ancora qui? Molto bene :)
      Effettivamente certi nostri aerei non é che siano messi meglio.. Ma poi ripeto: dipende tutto dal pilotaaaa! :)
      PS: io qui non controllo nemmeno, salgo bendata :)

      Elimina
  16. Sei troppo ma dico troppo forte! Mi sono immaginata tutta la scena e mi sembra a di vedere l'aereo piu pazzo del mondo con un finale da parodia!!!
    Non si vede la "botta" ma si intravede te che sei una GNOCCA della Madonna!!
    Sara' il karma del Laos?
    In Thailandia, attenti ai tuk tuk!
    Adoro leggerti;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara! Sei come al solito troooppo buona!! Ma mi si vede solo di profilooooo . foto tattica :) ahah
      Comunque eccoci in Thailandia, siamo in un paesino sperduto. Ma tu da che parte vieni??
      Un bacione bella

      Elimina
  17. anche senza ingrandire si vede il fango sul sedere... dai l'importante è che non vi siate fatti troppa male il resto son solo cose da raccontare!!! ti leggo sempre e il vostro viaggio diventa sempre più entusiasmante!! un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah che culata Tiziana! Siamo caduti a 2km/h ma che male lo stesso :) Però fortunatamente niente di grave, solo il gusto di raccontare di essere finiti nel fango :)
      UN abbraccio

      Elimina
    2. buona domenica e buon inizio settimana Elvira Coot,ciao Jesica

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...