martedì 25 settembre 2012

Professione maestra

E poi ti ritrovi in un paesino vicino a Rattanaburi a dormire con i geki e sentirti, finalmente, utile. Non che 10 giorni possano aiutare molto, ma é sempre meglio di niente.
Alle 9.30 io e Lui ci presentiamo a scuola, due classi vengono unite e i bimbi più piccoli trascinano le loro pesanti sedie fino alla classe di quelli grandi. Si riuniscono facendosi posto, aiutandosi e stringendosi uno vicino all'altro. Malgrado i 35°C esterni.
Ci guardano curiosi, con quegli occhi nocciola grandi ed espressivi, sorrisi furbetti su alcuni, sguardi curiosi sugli altri.
"Good Morning Teacher!"
Urlano all'unisono pur non sapendo cosa voglia dire. Qui i professori inseriscono un video (e intendo un video non un dvd) nella televisione e lasciano che i bambini seguano chissà cosa mentre loro chiacchierano nell'aula docenti bevendo litri di caffè. Pensate che da quando siamo qui "rubando" le ore mattutine, nessuno é venuto a controllare cosa facessimo. Anzi. Il prof ci ha chiesto di fermarci anche nel pomeriggio.
Ovviamente io e Lui non parliamo il thailandese per cui a volte la comunicazione risulta difficile e per spiegare le cose siamo costretti a inscenare teatrini pessimi, saltellare come orango per la classe o semplicemente scrivere in thai alla lavagna copiando da fogli sparsi qua e là.
Ma volete mettere la soddisfazione nel vedere che apprendono i vocaboli come se fosse una questione di vita o di morte? Come cercano di spronarsi gli uni con gli altri per scrivere sul quaderno la parola giusta sotto il disegno fatto da loro e copiato perfettamente dagli "schifii" che facciamo noi alla lavagna. Ci mettono l'anima nel fare lo spelling e nel dimostrare che stanno apprendendo.
Ma il meglio viene quando facciamo il gioco dei numeri o dell'alfabeto. In due file li facciamo contare in inglese uno dopo l'altro (ogni bambino dice un numero) e chi non lo sa dire si deve sedere. Qui i  bambini imparano a memoria senza pensare, vanno avanti come se fosse una cantilena. Quando invece facciamo il gioco devono stare attenti e seguire. Si incitano a vicenda, bisbigliano ai più piccoli e si divertono un sacco quando restano due bambini e c'é la "big battle" dalla quale si decide il campione. Il premio? Un favoloso pulisci polvere fatto di piume (da restituire).
Insomma, non stiamo di certo insegnando grandi cose, ma credo che il solo di interessarci a loro, li renda felice. Uscendo dalla classe per andare a "gnam gnam" (internazionale grazie al cielo) se ne vanno correndo e salutandoci con il loro secchiello di riso portato da casa. Quando passiamo dalla "sala pranzo" se la tirano con i compagni salutandoci e gridandoci frasi che utilizziamo in classe. Oppure bracchiamo bimbi che al tavolo continuano il gioco dei numeri ridendo come pazzi.
Ma la soddisfazione più grande é vederli la mattina quando arriviamo. Attaccati al video, alzano gli occhi e i sorrisi si aprono. In men che non si dica sono posizionati con i loro quadernetti, pronti per una nuova lezione di inglese.















 
Un abbraccio a tutti voi dalla nostra classe di rospetti.
PS: Da notare sulla sinistra le scritte in Thai fatte dalla sottoscritta. Ormai sono integratiiiisssima!

48 commenti:

  1. che emozione leggere il tuo post, per la missione educativa, perchè immagino quel sentirsi "utile"...ti ammiro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai che emozione essere lì con loro :)
      A presto!

      Elimina
  2. Che bello. E poi quando li chiami 'rospetti' quasi mi commuovo.
    Adesso smettiamola con le cose romantiche, intervalla con un post irriverente!

    p.s. Non ti ho chiesto, ma in Cambogia non siete andati ad Ankor??
    Buon Insegnamento prof! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E far commuovere te, dopo quel che hai scritto di polpi e affini, ce ne vuole.
      ahah
      Un abbraccio

      PS: certo, Angkor visitata ma come avrai notato non sono il massimo come guida veritiera

      Elimina
  3. Che belli! Ma come siete finiti a fare gli insegnanti in un paese sperduto dell'Asia?!?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto!! Ci é toccato pure questo nei 100 giorni :)
      Però bellissimo, credimi!

      Elimina
  4. Bellissimi i vostri bimbi! che bello vederli sereni e felici e con la possibilità di imparare!
    Bravi!
    Bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto?? Sono stupendi!! Pccato non poterne infilare un qualcuno in valigia ;)

      Elimina
  5. Un reportage emozionante, bellissimo! Grazie mille per queste splendide foto e per il racconto! Buon proseguimento, complimenti e un abbraccio a tutti i bimbi! :D

    RispondiElimina
  6. Che bello Elvi!! :)
    Altro che i bambini che abbiamo qui qui..viziati e irriverenti..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda non me ne parlare... Un bel calcio, se soltanto sapessero...
      Un bacione

      Elimina
  7. Lavorare con i bambini è stupendo.
    Io l'ho fatto e so cosa voglia dire.

    RispondiElimina
  8. Che soddisfazione che deve essere... ben più grande che insegnare in Italia ^^' ehm
    Dalle foto quei bimbi sembrano simpaticissimi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so come sia insegnare in italia ma qui é bellissimo :) ahah
      Un bacione

      Elimina
  9. Bella lei la mia maestra buona :)
    Sei (siete) davvero incredibili...
    Ti (vi?) voglio bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona, mica tanto! Sono una bacchettona
      ahaah
      Un bacione e metti pure vi vi vi vi :)

      Elimina
  10. FANTASTICA!!! Siete i miei miti, il bello dell'Italia e delle persone buone che ci sono al mondo. Ritornerete diversi, sicuramente migliori. Complimenti.
    (scrivi il thai meravigliosamente).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto che classe nel scrivere il thai?? Ma é pieno di merli e merletti, mamma che difficoltà! :)
      Ad ogni modo questo viaggio ci cambia sicuro, ed é bellissimo :)
      Un bacione

      Elimina
  11. fantastici! :) pero chissà cosa hai scritto in thai ;)
    un bacio maestrina! :)
    -Ass. Uff.- (vista la dislessia ho lasciato perdere le sigle, ahahaha)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho copiato dal dizionario, forse qualche fronzolo é sbagliato ma il succo dovrebbe esserci :)

      Elimina
  12. Troppo bello questo post, incredibilmente belli e pieni di grinta i tuoi "alunni"! Questa tua avventura è assolutamente incredibile, io penserei già a un libro, fossi in te! Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sarebbe male... Mah. :)
      Grazie mille!
      A presto

      Elimina
  13. fare i compiti è noglioso,anonima

    RispondiElimina
  14. Amelia fattucchiera mamma25 settembre 2012 21:45

    Qui c'è grande fermento e preoccupazione: va a finire che questi tornano a casa con un vagone di bimbetti thai e cambogiani.! Troppo carini, musini simpatici e vispi, posto ce n'è... Forza!!
    Bacioni emozionati

    RispondiElimina
  15. concordo con te Amelia fattuchiera mamma,ciao anonima

    RispondiElimina
  16. ore/ore a studiare con i musi lunghi,però nn si va da nessuna parte se nn hai il diploma o la laurea,comunque bisogna sempre studiare,ciao anonima

    RispondiElimina
  17. Sono commossa!! Quel taglio, quegli occhi, quella carnagione .. Mi sembra di vedere me3!
    E so benissimo ciò che si prova quando si ha il privilegio di avere dei prof particolarissimi e farang come voi:-)
    Sei bravissima a scrivere sai!
    Che esperienza meravigliosa .. Ti prego scrivi ancora.
    Mi si apre il cuore..
    Vatu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello sapere che leggi proprio questi post.
      Ci siamo innamorati della tua Thailandia, dei bimbi e dei paesaggi. Delle persone, della loro gentilezza e disponibilità. Del loro non avere niente ma dare tutto.
      MERAVIGLIOSO.
      Un bacione

      Elimina
  18. Elvira, sono proprio contenta di aver trovato il tuo blog. Mi bevo tutti i tuoi post, questi del vostro viaggio poi sono uno più bello dell'altro. Una boccata di tenerezza, di ossigeno, di amore.... è un piacedere immenso poter condividere un pezzettino della vostra vacanza...grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che carina!!
      E un piacere leggere questo tuo commento :)
      Grazie, grazie, grazie!

      Elimina
  19. Una cosa così davvero non ha prezzo. State facendo del vostro viaggio un'esperienza unica, sono stupefatta e piacevolmente commossa dalla bellezza di quei sorrisi, di quei musetti limpidi e curiosi. Bravi ragazzi, complimenti davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei troppo buona, in realtà siamo soltanto fortunatissimi a poter vivere tutto questo :)
      Un bacione anche ai pelosi

      Elimina
  20. Succulenta la ricetta scritta in thai... Ci aggiungerei solo un pò di sale.

    RispondiElimina
  21. vi saluto tutti,ciao

    RispondiElimina
  22. Io sono sicura che di tutto il tuo viaggio, quella in questa scuola sara' l'esperienza che ti restera' piu profondamente dentro. E non vorrei essere in te quando lascerai quei bambini. A me viene da piangere solo a leggere il tuo post.
    Meravigliosi tutti e due. Ti stimo, fratella.
    Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da non credere.. Hai totalmente ragione. Abbiamo visto tanto in questo viaggio ma l'immagine di quegli occhietti resterà indelebile nei nostri ricordo.
      Ti stimo pure io fratella! ahah
      :)

      Elimina
  23. cara Patty,certo ke l'esperienza della scuola rimane dentro,anc'hio ti stimo,comunque,è commovente,lasciare la scuola,x il lavoro,ciao P.S Anonima

    RispondiElimina
  24. questi post che stai scrivendo, Elvira, hanno un valore enorme.. quegli occhioni dolcissi, quel sapersi accontentare delle cose più semplici (quelle che qui più nessun bambino dei nostri ritiene "speciali" ma dovute..) è davvero commovente.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, troppo buona! :)
      E facile scrivere quando hai davanti tanta bellezza!
      Un abbraccio

      Elimina
  25. Sorry ho fatto un gaf...mi sono riletta alcuni post!che bello,le emozioni si sentono in ogni parola che dici..

    RispondiElimina
  26. complimenti per questo tuo bellissimo impegno,davvero ammirevole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!!
      In realtà noi abbiamo fatto poco, ma é stato stupendo!

      Elimina
  27. ma ki ti credi di essere cara Elvira Coot,ciao Jesica

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...