venerdì 23 dicembre 2011

Malinconia

Mi manca.
Inutile non affrontare le proprie paure (se così vogliamo definirle), inutile parlarne liberamente ma poi non guardarlo con gli occhi, inutile nascondere che mi manca.
Il primo Natale senza di lui, il primo Natale senza una grossa, chiassosa e persino noiosa famiglia a tavola. Il primo Natale un po' sterile, per quanto mi riguarda.
Il primo Natale senza il Nonno.
Solo l'altro giorno ho avuto il coraggio di entrare nella sua stanza, vuota da ormai 9 mesi. Quella sensazione di panico che proviene dallo stomaco si é liberata nel mio corpo e, spinta da una forza interna, ho fatto buon viso e cattivo gioco con la Nonna e me ne sono andata.
Ma quando una cosa deve sbottare, sbotta.
Nel pomeriggio la mia adorata Zia Paperina mi chiede una foto, LA foto vorrei dire, quella che tutti noi ricordiamo come una delle più belle.
La cerco. La trovo. Scoppio.
Lacrime che rigano il mio viso come due fiumi in piena, lacrime silenziose e nascoste. Lacrime di chi sa di aver fatto tutto e detto tutto per il proprio Nonno. Lacrime quindi non di rimorso quanto di malinconia.
Mi mancano le sue manone enormi, mi mancano i suoi occhietti celesti vispi, mi manca quel sorriso sbilenco e persino i suoi modi di fare a volte antipatici e scortesi. Mi mancano le sue barzellette già sentite e risentite, mi mancano i suoi occhi fieri quando gli raccontavo i successi e quelli divertiti quando raccontavo gli insuccessi, mi mancano le sgridate per le cavolate fatte e mi manca persino la tanto temuta campanella di Natale che lui (sadicamente) suonava per spaventare noi nipotini.

Mi manca.

GNOCCHETTI DI COCCO (55 pezzi) 
ai quali lui avrebbe detto " MA NON SEI CAPACE DI FARE DEI BISCOTTI NORMALI?"
125g burro
125g zucchero
1 pizzico di sale
1 uovo
125g fiocchi di cocco
125 farina Schär (normale per voi)
25g maizena


Ammorbidire il burro in una ciotola e unire lo zucchero, il sale e l'uovo finché risulta una massa bianca. Incorporare gli altri ingredienti finché risulti una massa compatta, coprire e mettere al fresco per 30 minuti.
Accendere il forno a 180°C.
Togliere l'impasto e formare dei rotoloni da circa 2cm di diametro. Con una spatola da pasticcere, tagliare dei pezzetti da 1cm di lunghezza circa e posizionarli su una placca da forno rivestita.
Una volta riempita la teglia, metterla al fresco per 10 minuti circa.
Infornare per 10 minuti e lasciare raffreddare su una griglia.




VARIANTE:
Volendo si possono anche ricoprire di cioccolato. In questo caso, formare delle palline con le mani, cuocerle come indicato sopra e una volta cotti con l'aiuto di uno stuzzicadenti, immergere le palline nel cioccolato fuso.
Spolverare con dei fiocchi di cocco sopra.
Io questa non l'ho mai provata, ma sembra buona :)
Questa foto é presa direttamente dal libro, così vedete la variante choco! :) PS: I miei non sembrano più belli? ih ih ih

16 commenti:

  1. Questo post mi tocca diretta al cuore..
    Condivido con te questo dolore...per me sono passati anni ormai, ma la malinconia non accenna a diminuire....
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ti abbraccio forte.. e rieniti fortunata cara..io i miei nonni non li ho mai avuti vicino nemmeno nella mia infanzia.. son volati in cielo prima.. un bacio enorme

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. ciao, io ho perso il nonno troppo presto, avevo 10 anni, ma ti posso assicurare che è sempre nel mio cuore, e spesso faccio o dico le cose che faceva e diceva lui. E i ricordi sono la parte più dolorosa, ma più bella, perchè lui è di nuovo vicino a me! Buon Natale, e, se puoi,cerca di passarlo come avrebbe voluto lui! Un abbraccio Monica

    RispondiElimina
  5. Ciao! Grazie di essere passata nel mio blog..Ricambio volentieri!
    Mi dispiace tanto per tuo nonno e capisco quello che vuoi dire. Io sono legatissima al mio però da 4 anni si è ammalato e non riconosce più nessuno, è in un mondo a parte, ormai la sua persona è assente. Perciò anche se è lì fisicamente è come se non ci fosse, quindi mi manca terribilmente, in ogni suo atteggiamento...
    Comunque..
    Tanti auguri di Buon Natale, sperando che sia sereno nonostante la mancanza.
    Un bacione grande! Ciao!!!

    RispondiElimina
  6. paperina la zia biricchina23 dicembre 2011 11:44

    Cara dolce Elvira, mi hai proprio colpito al cuore... quanto ci manca il nostro adorato "cucciolo", il ns. primo Natale senza di lui sarâ tristissimo ma dobbiamo sentirlo presente perché lui é e sarà sempre con noi!un forte abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Che dolce post cara Elvira...
    ti abbraccio forte e si!!!
    i tuoi biscotti sono più belli...
    Un grande bacio

    RispondiElimina
  8. Eh sì.. Natale è tempo di mettere sul tavolo tutte le nostre emozioni, le cose belle come quelle che ci fanno piangere.. Hai un grande cuore e sono molto toccata da questo post, così come l'hai scritto, asciutto e senza sentimentalismi inutili! Vedrai che tuo nonno ora è fiero di te, in qualunque posto di trovi:)
    Buonissimi come sempre i tuoi biscottini e se vuoi dare un'occhiata ho messo una foto di quelli croccanti! Caspiterina che buoni!
    a presto:*

    RispondiElimina
  9. Sai anche mio nonno non c'è più da 9 mesi..solo che con lui non lo passavo mai il natale ormai da tanti anni..non abbiamo mai avuto un vero rapporto e io sono molto dispiaciuta per questo, io non ho bei ricordi di lui e solo leggendo le tue parole capisco cosa vuol dire avere un vero nonno, sei stata fortuna ad averlo accanto.
    Un bacio

    RispondiElimina
  10. Elvira, mi dispiace tantissimo per tuo nonno, ma ti auguro comunque uno splendido Natale con i tuoi cari.
    baci sabina

    RispondiElimina
  11. mi dispiace tantissimo ma purtroppo si dice si deve andare avanti avendo nel cuore la speranza che ci sia un'aldila in cui tutti stiano bene colgo l'occasione per farti gli auguri anche se nell'animo ti manchera un pezzo della tua vita ,sereno Natale a te e alla tua famiglia

    RispondiElimina
  12. Spero che queste feste con i tuoi cari possano lenire il tuo dolore. Forse no, forse è proprio durante queste occasioni che si sente di più la mancanza. Ma stare insieme a chi ci ama forse aiuta a sopportarlo meglio. Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  13. E’ Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano.
    E’ Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare l’altro.
    E’ Natale ogni volta che non accetti quei principi che relegano gli oppressi ai margini della società.
    E’ Natale ogni volta che speri con quelli che disperano nella povertà fisica e spirituale.
    E’ Natale ogni volta che riconosci con umiltà i tuoi limiti e la tua debolezza.
    E’ Natale ogni volta che permetti al Signore di rinascere per donarlo agli altri.
    …………()
    …………( )
    ………|░░░|
    ………|░░░|
    ………|░░░|
    ………|░░░|¸.¤“˜¨
    °º✿✿ ♪Buon
    °✿ Natale!!!
    º° ✿♥ ♫° •.

    Tanti tanti auguri con tanto tanto affetto
    Cri&Anna

    RispondiElimina
  14. Grazie mille a tutte per il meraviglioso sostegno. Non ero sicura che pubblicarlo qui fosse una buona idea, ma ho pensato che in qualche modo andava buttato fuori :)
    Non é tristezza la mia, se non pura malinconia che verrà sicuramente riempita dalle altre nonne e dal resto della famiglia.
    Come dite voi, sono già stata fortunatissima ad avere ben 3 nonni con i quali sono cresciuta.
    Grazie di cuore ad ogni modo per la vostrà bontà.
    Buon Natale a tutti! <3

    RispondiElimina
  15. Ciao, arrivo qui da te per la prima volta e penso bene di lasciare un commento su un post di mesi fa... ma mi hai fatto tanta tenerezza. Il Natale 2011 è stato il primo anche senza la mia nonna, che dopo aver compiuto 100 anni ha deciso che di più non li voleva. E' una fortuna averli avuti fino all'età adulta, abbiamo una scorta di ricordi ben fornita. Tornerò a trovarti.

    RispondiElimina
  16. credo ke la malinconia,è un sentimento guisto da provare tutti,gli uomini ke stanno sulla terra,la provo continuamente sempre la malinconia

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...