mercoledì 25 gennaio 2012

Alto spionaggio

La prima cosa che ho fatto quando sono arrivata nel mio appartamentino francese é stato controllare il bagno e la funzionalità dell'acqua.
Vi tralascio il fatto che alla prima doccia ho rischiato la vita in quanto lo scalino da fare per uscire é alto tre volte uno normale e, senza occhiali, sono inciampata finendo incastrata tra water e termosifone per gli asciugamani. Che dire, a parte un ematoma da record mi é ancora andata bene.
Mai però, avrei immaginato che sedendomi sull'asse la prima volta, oltre a scivolare in quanto manca una vite (stabilità al 50%), avrei visto questo.
Ora, mi rendo conto di entrare nella fascia intima di ogni persona, ma tutti noi andiamo in bagno, persino io! E allora immaginate che meraviglia sedersi ammirando lei, la Tour Eiffel.
Ma non finisce qui, eh no, perché oltre alla meravigliosa torre mi accorgo che posso vedere quello che cucina il mio vicino per cena. Imbambolata osservo lui, la vicina del piano sopra e persino un'altra signora che sta appendendo un quadro. Rifletto. Ma se io vedo loro così bene mentre cucinano, loro vedranno altrettanto bene me che... ???

PS: Non vi sto neanche a raccontare cos'ho rischiato per provare che la mia storia é vera, in quanto farsi beccare con una Canon al collo intente a fotografare i propri vicini che cucinano é alla soglia dello stalking!

PAUPIETTES DE VEAU BOURGEOISE (2 persone)
Piatto cucinato dallo chef
6 fettine di vitello
Farcitura:
1 cucchiaio grasso d'anatra (ev. olio)
2 scalogni
1 spicchio di aglio
100g champignon de Paris
30g prosciutto crudo salato
1 cucchiaio di panna liquida
100g carne macinata di vitello
100g carne macinata di maiale
50g lardo di maiale macinato
10g pangrattato
3ml armagnac/cognac
Piatto cucinato dallo chef
q.b. sale e pepe
q.b. lardo salato 
Succo di cottura:
50g carote
100g cipolla
50g sedano
2 pomodori
1 cucchiaio concentrato di pomodoro
2 spicchi di aglio in camicia
300ml brodo di vitello
q.b. olio, burro, sale e pepe


Farcia:
Tagliare finemente il prosciutto crudo, le teste dei funghi (senza buttare i gambi!), lo scalogno e l'aglio. In una pentola scaldare il grasso d'anatra (olio) e fare rinvenire prima il prosciutto, poi aggiungete lo scalogno e l'aglio e per finire i funghi. Aggiustate di pepe e lasciate rosolare qualche minuto. Fate raffreddare la massa.
Prendere le tre carni macinate (vitello, maiale e grasso di maiale) e metterle in una ciotola dove aggiungeremo la panna, il mix di prosciutto&funghi precedentemente cotto e raffreddato, del sale (poco dato che abbiamo già il prosciutto salato), l'armagnac/cognac e il pangrattato. Mescolare bene e provare il gusto facendo cuocere un cucchiaino di farcia in una pentola, se del caso aggiustare di sale e pepe.


Assemblaggio:
Accendere il forno a 200°C.
Prendere le fettine di vitello e, se non fossero già state battute, fatelo (noi abbiamo usato pentolini con forza 10) finché non otterrete delle fettine sottili.
Su ogni fettina disponete un cucchiaio (abbondante) di farcia e rotolate. In caso la carne dovesse essere troppo lunga, tagliate via il codino finale. 
Una volta terminato, prendete il lardo e avvolgetelo attorno al vostro fagottino (per capirci deve fare il giro della conferenza per "coprire i buchi" e dare forma). Legate con uno spago come si legano i pacchetti di Natale senza tirare troppo.
Prendete i pomodori e incidete una croce sul fondo con un coltellino, togliete il "becco". Buttateli in acqua bollente non salata per una trentina di secondi così da riuscire a spellarli. Una volta fatto, apriteli in 4 e privateli dei semini. Tagliateli a pezzetti.
In una padella fate scaldare del grasso d'anatra (olio) e fate rosolare i vostri involtini da entrambi i lati per dar loro colore. Una volta fatto, mettete gli involtini su un piatto, buttate via il grasso nella padella e nella stessa fate rosolare le carote, la cipolla, il sedano e i funghi (gambi) precedentemente tagliati. Fate colorare bene prima di aggiungere i pomodori e il concentrato di pomodoro. Mescolate bene affinché tutto si sia amalgamato, posizionate i vostri fagottini sopra le verdure, aggiungete il brodo di vitello (ad altezza involtini non più non meno) e mettete nel forno con un coperchio a 200°C per 20-30minuti.
Una volta cotto, togliete gli involtini dalla padella e riservateli al caldo. Filtrate il succo di cottura così da privarsi delle verdure (che volendo si potrebbero anche mangiare!) e fate ridurre leggermente. Se del caso sgrassare il fondo di cottura aiutandosi con un mestolino.
Piatto cucinato da me in pratica dopo assaggio chef
Mia farcitura, molto meno compatta rispetto allo chef, a me piace di più :)
Nota:
Noi abbiamo servito questo piatto con delle carote (tagliate in modo particolare) e delle cipolline glassate. Per farlo basta far cuocere le carote con un po' di acqua (deve raggiungere 3/4 dell'altezza delle carote), una noce di burro e un coperchio di carta finché non evapori tutta l'acqua. Una volta evaporata le vostre carotine saranno glassate e luccicanti. Per quanto riguarda le cipolline fate lo stesso ma cercate di ottenere un'evaporazione maggiore così da "bruciacchiarle" un po' e deglassarle con poca acqua.

Io se fossi in voi utilizzerei della pancetta piuttosto che il lardo per avvolgere gli involtini.

Dato che ognuno si porta a casa quello che ha cucinato e io non posso mangiarlo, ho reso felice la signora che lava le pentole regalandole il mio pranzetto e mi sono portata a casa i resti di vitello con i quali mi sono fatta la mia paupiette de veau light e glutenfree... Délicieux!




36 commenti:

  1. Ahahaahaha non ci posso credere!!!!! cmq.. basta andare in bagno con la luce accesa per non farti vedere.. ma visto che già hai problemi a vedere con l'illuminazione non immagino senza!!! Ti toccherà comprare delle tendine.. Ottima invece la ricetta.. a me sembra squisita la tua variante! smackkk

    RispondiElimina
  2. bhuauauauauauaua :D! che ridere :D! ahahahhaah :D! bell'immagine dal bagno :DD

    RispondiElimina
  3. Eggià compra delle tendine belle spesse,perchè guardare chi cucina può anche divertire,ma guardare chi...non fa lo stesso effetto!!Grazie per le risate,hai reso perfettamente l'idea..però quanto ti invidio quel panorama!!Sono felicissima di conoscerti,anche perchè fai dei piattini davvero deliziosi!!Un abbraccio e "sicuramente"alla prossima!!

    RispondiElimina
  4. mi hai fatto morire dalle risate!!!! mi ti immagino troppo al bagno presa a fare le foto...hahahaahaah..

    la ricetta??? goduriosa!!!

    RispondiElimina
  5. Bhé effettivamente appostarsi con la macchina fotografica in bagno ... non è proprio un'immagine felice! :DD

    però poi guardare la punta della Tour Eiffel, chissà che meraviglia!

    RispondiElimina
  6. Ci hai fatto ricordare di quella volta, proprio a Parigi, che andammo a trovare un amico. Le scale condominiali avevano le finestre che davano sui bagni dei dirimpettai... senza tende ovviamente! Uno spettacolo!
    Ciao
    Alessia&Tiziana

    RispondiElimina
  7. Che bello il piatto! Molto di più l'ambientazione sembra "La Finestra sul Cortile" di Hitchcock!

    Un abbraccio
    Olga

    RispondiElimina
  8. Eh si...mi sa che ti vedono!! Che ridere questo post...complimenti, anche per la ricetta!!

    RispondiElimina
  9. ma guarda, mi attira molto anche il vitello che hai cucinato per te, mettila così: tu rimarrai in forma, i tuoi compagni no con tutti quei grassi (ma dove lo vanno a prendere il grasso d'anatra????)
    Io invece dalla finestra della mia cucina vedo un vicino che fa la doccia e una coppia con un bimbo che utilizza vagoni di plastica (molto ecologici), mangiano e bevono ogni giorno con piattini e bicchieri di plastica GGGRRRR!!!!!
    Comunque è una bella emozione vedere dalla finestra la tour eiffel, la rimpiangerai!!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  10. Che meraviglia di vista che hai dal bagno...sai... quando ero piccola amavo spiare dalle finestre le vite degli altri ..che detto così adesso ..sembro forse pazza!!!! ma allora era un gioco divertente ...ora devi stare attenta ragazza!!!!Buono il rotolino....e buone le verdure..proverò a rifare e vediamo come va!!!!
    Baci Elvira

    RispondiElimina
  11. Ma che meraviglia, un sogno..ma sei nel favoloso mondo di Amélie!!! bellissima atmosfera, bellissimo piatto, anzi piatti...ti dirò...io voto quello glutenfree, fresco, leggero, attuale.
    Un bacio
    Sabina

    RispondiElimina
  12. che prelibatezza magnificaaaaaaa

    RispondiElimina
  13. io resterei ore in bagno con una vista cosi'! quanto mi piace venire qui da te pensa che mi stampo anche delle tue pagine per tenermi le tue stupende ricette. se ti va passa da me che c'e' un bel giochino:-)

    RispondiElimina
  14. Io dalla mia finestra dell cucina deve il mio vicino che guarda i filmetti... allucinante! :) Involtini ricchi signora mia, ma perfetti per questa sera. Bacio

    RispondiElimina
  15. Ahah! Dai che meraviglia la vista sulla tour! Io, come ti avrò già sicuramente detto, sono stata tutto l'anno accademico scorso a Rouen e se potessi tornerei subito.. LA Francia è magica!
    E la ricettina è una vera chicca, complimenti!
    A presto:**

    RispondiElimina
  16. Ciao Elvira!!
    Quante ricette interessanti, complimenti, diventi sempre più brava!! Devo assolutamente rimettermi in pari con tutti i post che mi sono persa in questi giorni!!
    Un abbraccio :-)

    RispondiElimina
  17. ma quste foto sono vere ,sono tropo belle come irreale ,sto guardando e mi scapa saliwa al mento ,sorry ma che LUI questo caniacio no siamo gatacie saluti dal paese lontano ,aproposio grazie per cartolina ,ma prigiani anche anno COLOMBA per Pasqua?

    RispondiElimina
  18. ...Eh? Vabbè no, non cercherò di capire cosa succede nel commento precedente, mi ricorda troppo me quando parlo in francese!
    Cugì mi vuoi far morire d'invidia? Dalla mia finestra non vedo nessun vicino ;P

    RispondiElimina
  19. Sughettoso , cremoso e sicuramente delizioso il tuo piatto. Una curiosità, ma in francia il bidet ci sta?? Io e mio marito quando siamo andati a Parigi usavamo la doccia...uhmmmmmmmmmmmm a Parigi o ti lavi tutta o niente??

    RispondiElimina
  20. Ho vissuto anche io in una chiostrina per diverso tempo e guardavo quelli davanti, sotto e sopra immaginandomi nelle loro vite. La finestra in bagno l'ho però coperta con un bel tendone :) Certo a me mancava la vista della tour eiffel... ero a roma vista tangenziale... Complimenti per la ricetta decisamente invitante :)

    RispondiElimina
  21. Ahahahahahah... ma lo sai che mi hai fatto scompisciare dalle risate?
    Una situazione tragicomica che non oso pensare su di me...
    Per la ricetta invece mi è venuta un'acquolina in bocca che non ti dico...
    Ciao cara, alla prossima :-))

    RispondiElimina
  22. wowwwwwww ottima ricetta tutta da rifare e con te sto' facendo anche io il corso lo sai??? eheheh stai vivendo un sogno e ti auguro una buona giornata ^_^

    RispondiElimina
  23. The food looked fabulous from the pictures

    RispondiElimina
  24. Amelia fattucchiera26 gennaio 2012 13:27

    Commento al post di ieri..Cosa vuoi, i francesi si ritengono i RE della cucina, quelli che l'hanno inventata...e non si rinnovano: creme, beurre, beaucoup de gras....tutto pesante e gusti alterati grazie a tutti questi intingoli unti e bisunti. Vero che una volta era per confondere il cattivo odore della materia prima un po' scaduta e per difendersi dai gelidi spifferi sulle carrozze...ma ora...sono rimasti ai trisavoli. Cmq impara l'arte e mettila da parte, tutto sèrve nella vita; anche l'accorgersi che si possono osservare i vicini mentre cucinano, lavano, stirano, scopano e non andiamo nei dettagli... Un tuo vicino mi ha chiesto dove sei finita, non ti vede più nelle tue performances svestizione-doccia-asciugatura-vestizione, ormai lui conosce a memoria il colore dei tuoi asciugamani e i pizzi dei tuoi reggiseni e slip... Manchi molto a donato e altri vicini... Ora Ti decidi a mettere una tenda anche a casa tua come quel noioso grillo-parlante-mamma ti ha sempre consigliato di fare?

    RispondiElimina
  25. Meraviglioso post!!!!
    Sembra di vederti!!!
    Deliziosa ricetta. Anche il piattino personale è veramente interessante!!
    Un bacione grande grande!!!!

    RispondiElimina
  26. Ih Ih, che ridere! Anch'io sono allergica alle tende, se poi c'è un panorama così...Bella la tua versione light della paupiette. Se io mangiassi secondo i canoni della cucina francese, dopo un po' il mio fegato porterebbe in giro me ;-)

    RispondiElimina
  27. Forteeee!! Certo che3 avere questa visuale dal bagno, non è mica da tutti.... Che bella la Tour, sempre meravigliosa!!!
    Complimenti anche per questo piatto, una bella carne gustosa!! E che dire della pasticceria qui sotto??? Magnifique!!! ^__^
    Franci

    RispondiElimina
  28. beh con questa vista....io m trasferirei subito...complimenti per il tuo blog...mi piace molto e passerò spesso a trovarti.ciao katia

    RispondiElimina
  29. Mi fai morire! Sei troppo forte! :)...e concordo con te: il tuo involtino è più bello di quello dello chef!
    PS: ti rispondo qui...la gatta è mia da ben 15 anni, ma dato che ora sto sempre in trasferta per il lavoro di mio marito, ormai se ne prende cura quasi completamente mia mamma!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  30. Volevo ringraziarti della visita e ricambiare! Che bella ricetta e che vista spettacolare. Buona giornata e a rileggerci presto♥

    RispondiElimina
  31. Ciao!Grazie per essere passata a trovarmi, passo subito il tuo link a mia figlia che sta frequentando un corso di pasticceria a Parma all'ALMA. anche lei fa orari da caserma! E anche li...burro a tonnellate!
    Buon proseguimento di avventura ;)
    p.s. Splendida visuale dal bagno! Sono francese anche io e le tendine alle finestre sono spesso un optional, più che altro perché schermano la luce che nei paesi nordici è poca. Così si vive un po' "in pubblico" ahahahahah!
    A presto!

    RispondiElimina
  32. grazie Elvira per essere passata! in questo modo ho avuto modo di conoscere il tuo golosissimo blog! adesso sono un po' di fretta ma ti prometto che mi prenderò presto un po' di tempo per sfogliare le tue ricette... già ho visto quegli eclairs al caramello e mi viene da svenire! vista l'ora è meglio che io mi dedichi a qualcos'altro, altrimenti lecco lo schermo!
    a presto
    Stefania

    RispondiElimina
  33. Ma sono fantastistici! Appetitosissimi... Passata per caso... e fermata!

    RispondiElimina
  34. Grazie per essere passata nella mia cucina.I tuoi involtini hanno un aspetto molto invitante anche se tra lardo e grasso d'anatra non mi sembrano molto dietetici. Passerò ancora a trovarti.

    Claudette
    p.s. : Il panorama dal tuo bagno è molto ... francese!

    RispondiElimina
  35. Molto carino il tuo blog e questa ricetta è sublime!!! ciao

    RispondiElimina
  36. è carino cucinare Giuliana,mi piace un sacco,a te? ti piace cucinare?

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...