giovedì 31 gennaio 2013

Operazione Casalinga

E pensare che mi ero preparata.
* Caldaia integrata
* Inserimento continuo di acqua
* Compatto
* Piastra buona
* Almeno 4bar
* Philips modello blu
Il significato di questa lista non é che mi fosse proprio chiara. Va bene i bar li calcolavo a fisica ai tempi del liceo ma non é che fossi proprio dotata nemmeno per quello.
Mi presento al negozio abbastanza convinta di riuscire a trovare il modello che cerco in breve tempo quando, con orrore, mi rendo conto che in questo mondo esistono più ferri da stiro che non matite colorate.
10, 20, 30 ferri diversi con altrettante etichette che evidenziano pregi e virtù. Colori sgargianti, colori tristi, macchinoni enormi, altri così piccoli da spaventare. Non parliamo dei prezzi, quelli sì che mettono la pelle di gallina.
Finisco col tediare il povero commesso, uomo, con un forte accento spagnolo. "Lei quale prenderebbe?" per poi subito dire "ma allora perché non quello?" facendo innervosire il malcapitato. Gli chiedo persino "se non mi piace posso cambiarlo?" ricevendo soltanto un'occhiata alla Mangiafuoco.
Diciamo che il fatto di essere una finta bionda non é che abbia proprio aiutato, nemmeno la mia non propensione all'essere casalinga. Ma da oggi con questa nuova miniera di vapore (che ammetto, sono tentata di usare per broccoli e cavolfiori) diventerò una stiratrice modello.
Se soltanto sapessi come si accende!

CRÈME BRÛLÉE (10-12 pirofile mini)
5dl panna intera
50g zucchero
5 tuorli
1 baccello di vaniglia
q.b. zucchero di canna

  • In una pentola antiaderente scaldare a fuoco basso 2.5dl di panna con il baccello di vaniglia inciso e raschiato
  • Nel frattempo in una ciotola sbianchire i tuorli con lo zucchero. Aggiungere la restante panna e mescolare bene. Incorporare la panna calda (aiutandosi con un colino per evitare che cada anche il baccello), mescolare e riservare al fresco per almeno 2h
  •  Dividere il composto nelle ciotoline di porcellana e mettere in forno caldo a 95°C per 1h (1h15 se più grandi). Le creme devono essere ancora tremolanti. Farle raffreddare per almeno 1h
  • Prima di servire spolverizzare le creme di zucchero di canna e caramellarle con la fiamma (o nel forno)
 


NOTA:
La crema si può profumare con del cardamomo, camomilla, bergamotto, lavanda o quello che più vi piace. Utilizzare al posto della vaniglia
Le mie cocottine erano moooolto piccole per cui 50 minuti di cottura erano abbastanza.

22 commenti:

  1. Mmmmmm buona la creme brulee! Che languorino già di prima mattina!
    Lasciamo stare la mia prima operazione stiro... Mentre giravo intorno all'asse sono inciampata nel filo (da agile gazzella quale sono) e mi sono tirata il ferro nella schiena: per fortuna che non era ancora caldo!
    Una cosa che ho imparato dopo aver impiegato mezz'ora per stirare (male) uno strofinaccio: si stira col vapore non con la pressione. Detto questo, io da allora non stiro più ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah ma veramente? Sei il mio idolo. E onestamente mi sento meglio sapendo che non sono l'unica impedita dello stire :)
      Un bacione

      Elimina
  2. Ahah! Sei fortissima..! Davvero! Mi ti immagino.. e poi scusa, i commessi devono fare il loro mestiere quindi altrochè ascoltarti doveva :D Congratulazioni per l'acquisto, e credimi.. io sono mora, anzi.. corvina! Eppure niente da fare, la casalinga è un mestiere che non mi va giù.. e di cose da stirare ne ho un monte tutti i giorni (e ho iniziato a 14 anni!) :D Deliziosa la tua creme brulee, presentata in modo fantastico per giunta! :) Ti abbraccio cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha
      Grazie mille, sto ancora sperando di diventare bravissima. Ma ora con questo ferro ci riuscirò :)
      un bacione!

      Elimina
  3. A leggere la ricetta della crême brulée mi vibrano i baffi!

    RispondiElimina
  4. Cara Elvi, problema risolto da anni: io NON stiro più nulla!! ;-)
    Come faccio? Il segreto alla prossima puntata...
    Mi prendo una cucchiata di crema che ci starebbe alla grande in questo momento.
    bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai trovato qualcuno che stiri per te?? Fantasticaaaa!!!
      Io sono ancora troppo orgogliosa per delegare. Ma presto convincerò il mio lui :)
      Un bacione

      Elimina
  5. Oramai io e il ferro da stiro formiamo la coppia comica per eccellenza della mia famiglia,se stiro mi scotto nei punti più impensabili ( l'ultima volta sul gomito destro e non sono mancina!), ma, soprattutto, ne ammazzo uno agni anno e mezzo...l'ultimo sta tirando le cuoia e ho deciso che il prossimo lo prendo con i punti del supermercato, almeno posso dire che non vale una cicca.
    In tutto questo non so neanche stirare bene!!!

    Passami una creme brulè che mi consolo un pò!

    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha gomito destro?? Ma come hai fatto??
      Be' effettivamente facendone fuori uno all'anno forse spendere €200 a ferro diventa un'operazione costosa :)
      Meglio quello con punti!
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Oddio! Quanto vorrei affondare anche io un cucchiaino in quelle cocottine! Ma perché leggo sempre post così dopo pranzo! Mannaggia a ... me ^_^

    RispondiElimina
  7. la golosità non ha limiti e neanche le faccende domestiche mi aiutno a perdere tutti i kili causati da questo male, figurati stirare!!
    latuacrema è assolutamente paradisiaca, bellissime le cocotte e i cucchiaini,(quelli li ho pure io!!)
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che carina!! Grazie mille :)
      Le cocotte le ho trovate super saldate in un negozio. Colpi di fortuna! :)
      Un bacione

      Elimina
  8. ahahaha,come ti capisco...o no?o si?bo...sono una bionda anche io..idee poco chiare;)ma ste cocottine?fenomenali!bacione

    RispondiElimina
  9. Ahahahah
    Sì ma senti, tu sai già cucinare benissimo, non credi basti questo??
    Io cmq, avendo il tuo stesso problema, ho risolto prendendo un ferro da stiro di quelli piccoli normali, quelli di forma triangolare (?!).
    Che non stirano una mazza.
    Almeno così ho ho la scusa per portare le robe a mia mamma...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione. In fin dei conti basta un pregio no?
      Poi ascolta, sono pure brava a portare a spasso il cane e so anche riempire la lavastoviglie. Direi che come doti casalinghe siano sufficienti. Che ne dici?
      La scusa della mamma é fantastica, dici che Amelia mi aiuta?

      Elimina
  10. Ai tempi dell'università ho fatto la promoter negli ipermercati di una nota marca di ferri da stiro con caldaia. Ci fecero 2 giorni di corso per spiegarci bar, pressione, termostato, spia pronto vapore, piastra in ghisa. Non capii quasi niente nonostante la fisica allo scientifico! Per risolvere anche oggi, stiro poco e con un ferro senza caldaia...
    Ottima crema gluten free. Segno per il dolce domenicale!
    Ellen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma veramente??? QUindi sei un'esperta :)
      Ma noto che la messa in pratica é sempre un dramma :)
      Un bacione

      Elimina
  11. Io credo d'avere il ferro da stiro più obsoleto del mondo, me l'ha regalato mia nonna 25 anni fa e credo abbia superato almeno un centinaio di cadute, la maggior parte delle quali procurate dai gatti che tirano il filo ogni volta che lo vedono in movimento!!!
    E' tenuto insieme con il nastro isolante, l'opzione vapore ovviamente non esiste, al massimo può "far coppia" con la mia twingo ....pure quella un pezzettino mica da ridere!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 25 anni fa?? Cadute?? Quelli nuovi non resistono al minimo colpo! Meglio le cose vecchie :)
      Ahaha coppia con la twingo :)
      Un bacione

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...