mercoledì 6 marzo 2013

Ombrelli vs Ombrelloni

L'avessi scritto mi sarei sentita anche un po' colpevole, avendolo solo pensato probabilmente meno. Non sono stata io a portar male.
Domenica al risveglio avevo uno stormo di uccellini canterini alla finestra. Il rumore della primavera era nell'aria così come il suo profumo. Quel tepore, quei colori, quel cielo. E che sole. Oh si, che sole. Passeggiate con Mr. Geido a non finire, prendere il sole in giardino, bramare il primo gelato, togliersi la giacca.
Ecco. Volevo proprio scrivere di questo. Di quanto mi fossi dimenticata la bellezza e l'importanza della primavera durante l'inverno. Di come avessi sotterrato voglia di uscire e mangiare insalata.
E poi.
Poi non fai in tempo a togliere il cappotto che ti ritrovi a rimetterlo. Avevi appena riposto gli stivali dicendo bye bye e già li riprendi. Il sole ha lasciato spazio alla pioggia che nemmeno in Vietnam durante la stagione dei monsoni ne ho vista tanta. Per non parlare di questo cielo color grigio topo.
Uccellini dove siete? Tornate!

PANE ALLA FRUTTA SECCA
300g farina integrale
200g manitoba
12g lievito cubetto
10g sale
1 pizzico di zucchero
350g acqua
250g frutta secca mista

  • Unire il lievito sbriciolato alle due farine con lo zucchero, il sale e l'acqua. Impastare per qualche minuto prima di unire la frutta secca precedentemente tagliata a pezzetti (albicocche, fichi secchi, prugne, datteri. Non tagliate le nocciole). Impastare fino all'ottenimento di un impasto liscio ed omogeneo
  • Mettere la massa in una ciotola, coprire con la pellicola e far riposare nel forno spento con la luce accesa per un'ora
  • Togliere dal forno e formare una palla. Lasciar riposare 5-10 minuti sotto un canovaccio. Riprendere l'impasto e riformare una palla ben serrata. Mettere in una ciotola coperta da un canovaccio infarinato (meglio ancora se in un cesto di vimini) con il lato liscio verso il basso (quindi a contatto con la farina). Coprire con un altro canovaccio e far lievitare fino al raddoppiamento (1h circa)
  • Scaldare il forno al massimo della sua temperatura (circa 250°C) con una teglia dentro. Prendere il pane lievitato, posizionarlo su di una pala con il lato liscio verso l'alto. Incidere una croce con un coltello affilato. Nebulizzare acqua all'interno del forno e far scivolare la pagnotta sulla teglia rovente. Abbassare il calore a 220°C e cuocere per 5 minuti. Abbassare poi a 200°C e cuocere per 30-35 minuti
  • Far raffreddare il pane su di una griglia. È ancora più buono se tostato! :-)





Dove c'é cibo c'é Geido.



40 commenti:

  1. questo pane per la colazione deve essere strepitoso *___*
    ...mamma mia taci, sto tempo mi ha rimesso la depressione, avrei solo voglia di tornare a casa con le mie canette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti assicuro che tostato é una meraviglia! :-))

      Elimina
  2. E' marzo, è inutile, tocca arrendersi ai proverbi! ;)
    Il tuo pane però fa tornare il sorriso, e mi dà l'idea di una via di mezzo con lo Zelten altoatesino

    Dai resistiamo il 21 è dietro l'angolo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione... Ma come si faaaa?? Mi pregustavo già quel bel sole caldo :-(
      Ma dici che dal 21 cambia?? :-))

      Elimina
  3. Non si è mai vista tanta pioggia come quest'anno in Sicilia. Un inverno piovosissimo, troppo spesso anche nei weekend, quando magari si progetta di fare una delle passeggiate di cui parli! Questo pane lo trovo assai invitante. Se nel fine settimana pioverà ancora, lo farò di certo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aaaarghhh e se piove in Sicilia pensa te nel resto dell'Italia :-((
      Aiuto!
      Mi raccomando, fai questo pane perché ne vale davvero la pena! :-) Rende la pioggia quasi piacevole!

      Elimina
  4. Ahah! Fortissimo Geido, come un'ombra, dietro questo pane che.. amica, è più che spettacolare. Già lo amo!!!! <3 Dici bene.. Uccellini, dove siete? Già ci eravamo illusi e oggi diluvia che pare ottobre! Maremma.. sigh.. un bacione immenso e un abbraccio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahha hai visto??? Che forza quel peloso :-))
      Grazie cara, sei sempre un tesoro.
      Un bacione

      Elimina
  5. Ma che buono questo pane!!! Nel week provo a farlo!!

    RispondiElimina
  6. Ma come, mi usi il lievito normale e non la pasta madre? ;)
    L'ultima foto con Geido sullo sfondo è bellissima :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha io il lievito madre non lo so usare O.o aaaargh. Poi dai, sono celiaca! È già un miracolo che mi metta a fare il pane :-))
      Bacio

      Elimina
  7. Ne facciamo uno con le noci e la segale... ma questo è veramente strepitoso
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mhm anche il tuo deve essere niente male :-)))

      Elimina
  8. Eggià...veramente deprimente questo tira e molla, un giorno temperature miti e sole, quello dopo un diluvio universale deprimente. Voglio il tuo pane consolatorio! Mi accontento di una fettina ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma é questo il dramma. Il pre.
      Fosse stato brutto sempre uno nemmeno si ricordava della primavera. Invece poi.. Eccoti fregato :-(

      Un bacione

      Elimina
  9. hai ragione Margot,un saluto

    RispondiElimina
  10. Cazzarola allora non dico niente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha :-) Solo da te comunque, solo da te perché ci sei te :-)

      Elimina
  11. Pure io domenica me la godevo alla grande con i miei ninni in bicicletta. Sigh!
    PS: pure io avevo detto "oh finalmente il freddo se ne va" ... quindi dimezziamoci la colpa ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mal comune mezzo gaudio? :-)

      Elimina
    2. prego Elvira Coot,a me fa piacere lasciare,qui i miei messaggi,vengo da una chat,senti ti volevo segnalare,Celeste,ciao

      Elimina
  12. a me piace ascoltare quando qualcuno racconta,delle cretinate,ciao

    RispondiElimina
  13. raccontate ancor cretinate dai,eh

    RispondiElimina
  14. Risposte
    1. Cara Anonimo,

      ti ringrazio molto per i commenti che hai lasciato ma ti sarei grata se potessi evitare di insultare la gente. Questo NON é un forum, NON é una chat e men che meno luogo adibito ad insulti. Questo é il mio blog di cucina.
      Ti sarei grata se potessi rispettare questo spazio.
      Grazie e buona giornata!

      Elimina
    2. Cara Elvira Coot,Oh Ok,però diciamo ke la gente è maleducatta ke io mi sono addegguiata,alla maleducazione della gente,tutto qui,ciao

      Elimina
  15. Geidooo!!! Ti vedo!! Che ci fai là dietro? In attesa di questo fantastico pane probabilmente. Comunuq emi consolo, non mi sento l'unico uccello del malaugurio :)
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aahhhahahahahahahahhahahahahaahahahahahhaahahahah

      Elimina
    2. povera celeste

      Elimina
    3. ahhahahahahahaahahhahahahhaahahaahhahahahahahahahahahahhaahahahhaahhhahaahahahahahhaah,celeste passa nela mia chat.

      Elimina
  16. ahahhahahahaahahahhahaahahhahaahahahahahahahahahahhaah,celeste,passa nella mia chat,

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...